Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 nov – Terremoto nel governo giallofucsia per le dichiarazioni dell’ormai ex commissario per il rientro sanitario della Calabria. “Non lo sapevo“, così Saverio Cotticelli si auto-licenzia in diretta tv. Intervistato da Titolo V di Raitre, l’uomo nominato dal governo due anni fa per sanare i conti della regione (e confermato pochi giorni fa) spiega di aver scoperto la mancanza di un piano anti-Covid a giugno e di aver chiesto al ministero della Salute chi dovesse predisporlo. Quindi prende la lettera del governo, legge la risposta del ministero – a quanto pare per la prima volta, nonostante la comunicazione fosse dello scorso 27 ottobre. “Cosa le dicono?”, chiede il giornalista. “Dovevo farlo io”. Sembra una gag più tragica che comica ma è tutto vero.

“Domattina sarò cacciato…”

Le parole di Cotticelli smascherano un sistema di incompetenze e di mal funzionamento della macchina sanitaria calabrese, di certo non migliorato dalla gestione giallofucsia della sanità nazionale, anzi. E pure se dopo la trasmissione il premier Giuseppe Conte ha dichiarato sui social che intende destituire l’ex generale dei carabinieri dal suo ruolo il danno è fatto. Come se non bastasse poi spunta una lettera di Jole Santelli, presidente di regione prematuramente scomparsa, con cui già il 13 settembre si segnalavano “discrasie e difficoltà nel rapporto con l’Ufficio del commissario alla sanità“.  “Si rende conto che è una cosa gravissima?”, prosegue il giornalista. “Cosa vuole che le dica, io domattina sarò cacciato“, fa spallucce Cotticelli.

L’ira dell’opposizione: “Ignobile scaricabarile, scandalosa inadeguatezza di tutto il governo”

Immediata la reazione dell’opposizione, che coglie la palla al balzo. “Signor presidente si è dimenticato di scrivere un particolare importante. Il commissario Cotticelli l’ha nominato lei e i suoi ministri del M5S. Ha talmente controllo delle sue nomine che ha scoperto dell’incapacità del commissario dalla tv. La Calabria non merita questo”, è l’accusa di Roberto Occhiuto, vicecapogruppo vicario di Forza Italia alla Camera, rivolta al premier. Ci va giù pesante anche Giorgia Meloni: “Sul commissario governativo alla Sanità della Calabria Cotticelli sta andando in scena uno spettacolo indecoroso e un ignobile scaricabarile. Oggi il presidente del Consiglio Conte si scandalizza per una nomina che lui stesso ha fatto nel dicembre 2018, insieme all’allora ministro M5S della Salute Grillo, e che ha confermato solo pochi giorni fa. Il M5S, partito della Grillo, prende le distanze, ringrazia Conte e dice che servono ‘persone all’altezza’ per gestire l’emergenza Covid”, scrive la leader di Fratelli d’Italia. Sulla stessa linea anche Matteo Salvini: “La scandalosa inadeguatezza del commissario Cotticelli dimostra la scandalosa inadeguatezza di tutto il governo, che l’aveva appena confermato alla guida della Sanità calabrese. I cittadini non meritano uomini come Arcuri e Cotticelli, ora sia la Calabria a riprendersi in mano la sua dignità e la sua Sanità”, è l’attacco del leader della Lega. Anche il presidente facente funzione della Regione Calabria, il leghista Nino Spirlì, è intervenuto sulla vicenda: “La vergognosa ammissione di responsabilità del commissario di governo Cotticelli: per i calabresi non ha un piano di emergenza Covid. E lo hanno pure riconfermato col decreto Calabria due giorni fa. Il ministro Speranza si deve dimettere subito“.

Conte: “Va sostituito con effetto immediato”

Poi l’annuncio di Conte: “Il commissario per la sanità in Calabria Saverio Cotticelli va sostituito con effetto immediato. Anche se il processo di nomina del nuovo commissario prevede un percorso molto articolato, voglio firmare il decreto già nelle prossime ore: i calabresi meritano subito un nuovo commissario pienamente capace di affrontare la complessa e impegnativa sfida della sanità”. A quanto pare intanto il commissario avrebbe presentato le dimissioni ai ministri Gualtieri e Speranza.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Sia mai che , se ti fanno COMMISSARIO , oltre a prendere migliaia di € …. ti tocchi LAVORARE !!!! (vedasi Arcuri ….)

    …. ma , gli SCEMI siamo NOI !!!!! meglio quelli che votano 5Pirla , PDioti , LUE e +Pirlaancora

Commenta