Il Primato Nazionale mensile in edicola

Washington, 27 nov – Donald Trump lascerà la Casa Bianca se il Collegio elettorale nominerà Joe Biden come nuovo presidente. Ad annunciarlo è lo stesso tycoon in un incontro con la stampa, durante il quale ha ribadito però di non essere disposto ad ammettere la sconfitta, rinnovando le accuse di “massicci brogli” che, a suo parere, hanno condizionato il risultato elettorale. E’ la prima volta dall’election day del 3 novembre che il presidente parla di una possibile vittoria dell’avversario. Intanto tutto procede per il passaggio dei poteri.

“So una cosa, Joe Biden non ha preso 80 milioni di voti”

Secondo Trump, eleggere il rivale dem alla Casa Bianca sarebbe “un errore”. “So una cosa, Joe Biden non ha ottenuto 80 milioni di voti“, afferma Trump. Poi alla domanda su cosa farà se il 14 dicembre il Collegio elettorale dovesse eleggere il suo avversario replica: “Sarà molto difficile ammettere la sconfitta, perché ci sono stati brogli enormi“. Se dovesse essere confermato ufficialmente, il ticket del presidente nominato ha superato gli 80 milioni di voti (80.026.721 per l’esattezza), un record assoluto. Ma il presidente in carica non ci crede e continua a parlare di “elezioni truccate al 100%“.

Trump non risponde alla domanda se sarà presente al giuramento di Biden

E Trump non risponde alla domanda se sarà presente o meno alla cerimonia di giuramento di Biden, fissata per il 20 gennaio 2021. “Non voglio ancora dirlo. So la risposta, sarò sincero, so la risposta, ma non voglio dirlo ancora“, afferma. Intanto assicura che la prossima settimana sarà in Georgia per sostenere al ballottaggio i due candidati repubblicani. Rispondendo a un’altra domanda, il presidente denuncia: “L’amministrazione Biden vuole sbarazzarsi dell’America First“. Infine il presidente annuncia che la consegna del vaccino anti-Covid inizierà la “prossima settimana”. Parlando con le truppe Usa oltre oceano in occasione del Giorno del ringraziamento, Trump precisa che i primi a ricevere il vaccino saranno personale sanitario e anziani.

Certo è che dopo il 14 dicembre è praticamente impossibile ribaltare il risultato. Anche perché i riconteggi negli Stati in bilico hanno comunque certificato la vittoria di Biden. Sul fronte legale poi non ci sono abbastanza prove per dimostrare i brogli elettorali.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. non sono tanto gli ottanta milioni di voti….quanto il fatto che questo vecchietto con evidenti problemi di demenza senile (you tube è piena di sue “gaffes” così eclatanti,da non lasciare spazio a dubbi) avrebbe raccolto 11 MILIONI di voti in più rispetto ad un Obama !

    Obama,piaccia o meno,un gigante rispetto a Biden sul piano del carisma,della comunicazione e della presenza;

    peraltro non a caso nemmeno “afro-americano” sul serio,visto che gli stessi sinistri americani sono disposti a votare sì uno di colore….a patto che non sia veramente troppo scuro.

    vedi Kamala Harris.

  2. Un buffone psicopatico che ha perso contro una emerita nullità dice tutto su quanto deve avere disgustato i suoi concittadini mangiapannocchie.

  3. evar se imbrogli con DOMINION puoi vincere anche la coppa del mondo contro il Brasile se sei il frosinone…..elezioni truccate dai 2 Zion boys: l’informatico vaccinatore e il magnate filantropo re di ungheria in esilio ….tutti lo sanno tranno voi italioidi?

Commenta