Home Cronaca Viterbo, i legali dei due arrestati: “Rapporto consenziente. Referti medici compatibili con...

Viterbo, i legali dei due arrestati: “Rapporto consenziente. Referti medici compatibili con nostra versione”

Il Primato Nazionale mensile in edicola
Viterbo, 30 apr – “Sono due ragazzi di diciannove e vent’anni a cui è crollato il mondo addosso. E’ stata una situazione particolare, la loro ricostruzione dei fatti è in parte divergente da quella della persona offesa“. Gli avvocati di Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci rispondono alle domande dei giornalisti al termine dell’interrogatorio di garanzia. I due ragazzi, accusati di aver stuprato una donna di 36 anni in un pub di Viterbo il 12 aprile scorso, hanno risposto alle domande del Gip Rita Cialoni, che entro 5 giorni dovrà decidere se convalidare o meno la loro custodia cautelare in carcere.Gli avvocati Marco Mazzatosta, Giovanni Labate, e Domenico Gorziglia hanno confermato il rapporto sessuale, ma hanno spiegato come la versione dei due accusati sia “in parte divergente da quella della donna”. Versione, quella della vittima, definita “generica e confusa”. Alle domande dei giornalisti, che chiedevano conto dei video trovati nei cellulari dei due giovani e delle lesioni, i legali hanno risposto che “i filmati sono non esplicativi di tutto quello che è successo. Le lesioni contestate compatibili anche con rapporto sessuale che è avvenuta su superficie rigida, pavimento e non un divano, non ci sono ferite al volto e alle braccia”.”Abbiamo fornito anche nominativi di persone che possono avvalorare nostra tesi difensiva”, hanno aggiunto gli avvocati difensori, “prove di un rapporto sessuale e non di uno stupro. Sicuramente vi è stata situazione particolare ragazzi 19 e 20 anni che hanno interpretato il rapporto come consenziente da parte della persona offesa, con tanti elementi che oggi non vi possiamo spiegare perché le indagini sono ancora in corso”.

Davide Romano



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. “Sicuramente vi è stata situazione particolare ragazzi 19 e 20 anni che hanno interpretato il rapporto come consenziente da parte della persona offesa”
    Questa difesa è ridicola e mi ricorda quelle che vengono stilate per difendere stupratori stranieri (“LA LORO CULTURA E’ DIVERSA DALLA NOSTRA!11”). Per cortesia Primato Nazionale evitiamo di difendere l’indifendibile soltanto perché si tratta dei “nostri”. In un mondo ideale i due ragazzi verrebbero impiccati perché hanno fatto qualcosa di mostruoso e non ci metteremmo a fare i sofisti per giustificare un inequivocabile occhio nero. Sminuire e negare i fatti è un vizio che appartiene ai liberali e ai sinistri, non agli idealisti. Giustizia sia fatta.

  2. Questi gli argomenti sostenuti dagli avvocati degli accusati. I due sono imputati di reati gravissimi, per un fatto che se confermato significherebbe che non sono due “mele marce”, “balordi” o simili ma due criminali che si meriterebbero di finire in una galera sporca e di rimanerci per almeno venti anni in pessima compagnia.
    Senza contare ma purtroppo conta, il disastro mediatico che hanno provocato, a fronte dei sacrifici e della attività di tanti/e onesti che credono in un ideale.

  3. Proprio come avevo intuito dall’inizio: un altro finto caso di stupro. Hanno sbagliato ad espellerli da CasaPound, perché prima si verifica, poi eventualmente si commenta e si agisce.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: