Il Primato Nazionale mensile in edicola

Torino, 6 lug – Capita spesso di leggere sul web, in particolare sui social e sui forum, quesiti di questo tipo: “devo sostituire il mio pc, cosa mi consigliate?”. A seguire ridda di risposte e contro risposte con la platea che si divide in fazioni (meglio pc con Windows, meglio il Mac, etc.) avverse. Da questo evento nasce quindi l’ispirazione di fornire un’analisi oggettiva e pratica, ovvero senza tecnicismi inutili per chi il computer lo utilizza per tutto al di fuori dell’informatica, delle varie soluzioni con i relativi pregi e difetti nell’ambito desktop. Data la vastità dell’argomento si procederà in più puntate, comunque la premessa comune da tenere sempre bene a mente è che non esiste il sistema perfetto per ogni evenienza. Oggi si inizia con il primatista del mercato uso scrivania: pc con Microsoft Windows.

È la soluzione più diffusa, ma per motivi che esulano dall’ambito tecnico puro e sfociano molto più in quelli commerciali; le felici intuizioni di Bill Gates con la sua squadra, tra l’altro simili ed avvenute contemporaneamente a quelle di Steve Jobs con il suo rispettivo gruppo (Macintosh), furono che i computer sarebbero entrati in ogni casa al punto da diventare un comune elettrodomestico e che gli utenti comuni avevano bisogno di qualcosa di semplice da utilizzare ovvero un’interfaccia grafica. La differenza che ne decretò l’amplissima diffusione fu che Microsoft mise a punto un sistema operativo slegato dall’hardware e quindi potenzialmente utilizzabile da tutti i produttori e/o assemblatori.

Windows è fondamentalmente basato sul DOS (primo sistema operativo di casa Microsoft) e qui si capisce già il suo principale difetto perché DOS è l’acronimo di Dirty Operating System ovvero Sistema Operativo Sporco : quando venne creato si optò per tutta una serie di semplificazioni necessarie a ridurre le esigenze hardware che però ne minarono l’affidabilità e la sicurezza. Oggi il codice di Windows è profondamente cambiato ma si è trascinato questi concetti fondanti e quindi tutti gli annessi risolvendoli solo in parte. Qui di seguito un elenco di pregi e difetti nell’ottica di un utente normale, vi consigliamo di leggere anche le prossime puntate per poter poi decretare quale sia il sistema per voi più adatto.

Pregi:

  • è il sistema operativo più diffuso sul lato desktop, da questo deriva che :
  • qualsiasi hardware più o meno comune è compatibile senza difficoltà, i produttori si preoccupano in primis di fornire supporto per Windows
  • il parco software installabile è sconfinato sia di tipo proprietario che open source, per cui si può reperire dal semplice programmino gratis ai più complicati (ed estremamente costosi) applicativi professionali passando attraverso una moltitudine di programmi a livello medio come prestazioni e prezzo (un esempio su tutti Autocad)
  • è installato od installabile su molti computer normalmente in vendita, quindi i prezzi vanno dall’economico al costoso con tutte le possibilità e personalizzazioni intermedie
  • se amate giocare al pc la vostra scelta è obbligata in quanto i giochi di qualità esistono solo per Windows
  • bene o male si è tutti abituati ad utilizzarlo e non si deve imparare di nuovo a svolgere le funzioni basilari come installare un programma od una stampante, salvare un file, aprire una pennetta usb, etc.

Difetti:

  • è instabile, anche se molto meno di qualche tempo addietro, quindi bisogna abituarsi ad eseguire salvataggi molto frequenti durante l’utilizzo nonché copie di backup regolari a cadenza assidua altrimenti si rischia di entrare in quel club molto vasto di chi ha perso tutto il proprio lavoro, magari di anni, e deve ripartire da zero (probabilmente se Dante fosse nostro contemporaneo aggiungerebbe un girone all’Inferno dedicandolo ai bestemmiatori contro oggetti di silicio)
  • rispetto ai suoi concorrenti richiede molte più risorse hardware per compiere le medesime operazioni ed obbliga a cambiare il proprio pc con altro più potente ad ogni evoluzione; inoltre stressa i componenti molto di più riducendone la durata nel tempo
  • è insicuro, facilmente attaccabile da virus, trojan, malware ed ogni altro genere di schifezza donde per cui è obbligatorio installare vari software di protezione che lo rallentano appesantendolo e che, comunque, non possono garantire una protezione al 100%

Cristiano Bergoglio

2 Commenti

  1. ..per il gioco Win..per lavoro Mac..Non dimenticare che con il Mac è possibile dedicare una partizione per il sistema Win…..-

Commenta