Roma, 25 nov – Se una volta era forse solo un’usanza, quella del caffè – sia esso a colazione, a metà mattina, dopo pranzo o anche dopo cena – è ormai diventata una tradizione. Particolarmente diffusa in Italia e in buona parte del mediterraneo, ha però spesso portato con sé numerosi dubbi: al netto dell’aiuto per restare svegli e migliorare la concentrazione, la tazzina fa bene o male?

tazzina caffè espressoNegli anni le voci si sono rincorse, ma oggi arriva un nuovo studio destinato forse a mettere la parola fine all’annosa querelle. La ricerca, inglese, coordinata dallo specialista in sanità pubblica Robin Poole, ha analizzato gli effetti dell’assunzione di caffè sull’organismo. I risultati sembrano dimostrare che i benefici superino i rischi: fra gli habitué della bevanda (nel mondo si servono due miliardi di tazzine di caffè al giorno) si riscontra un minor rischio di patologie come la cirrosi epatica e il cancro al fegato. Non solo: chi beve caffè avrebbe anche meno probabilità di ammalarsi sia di Parkinson che di Alzheimer o di cadere in depressione. Dall’altra parte, invece, l’espresso e il cappuccino restano fortemente sconsigliati alle donne in gravidanza in quanto potrebbero causare parti prematuri o malformazioni al feto.

Ma qual è la quantità giusta? La ricerca affronta anche questo tema, consigliando un massimo di tre/quattro caffè al giorno. Oltre questo limite non vi sono comunque rischi, ma i benefici vanno via via decrescendo.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Ottimo articolo e giusta informazione , in effetti i benefici al sistema nervoso sono molteplici ed in effetti un vecchio biochimico come me formato alla scuola di anatomia e biologia sul campo esulta per tali notizie…… Attenzione però agli eccessi ed ai danni al metabolismo digestivo e nei processi renali dove purtroppo il consumo esagerato crea più danni che benefici…….ricordo inoltre che il caffè anglo/ americano è rispetto al nostro più “allungato” in molti casi per cui tanto buonsenso e poco zucchero….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here