Il Primato Nazionale mensile in edicola

Torino, 25 lug – Nell’ultima puntata trattiamo i sistemi operativi meno conosciuti al grande pubblico. Se provate ad effettuare una ricerca su internet in merito scoprirete che esistono moltissime altre realtà, ma francamente le sconsigliamo per un uso da utente normale perché si tratta o di esperimenti da gruppi di studio o perché hanno una diffusione talmente bassa da presentare evidenti problemi nel supporto hardware (non è comodo dover, ad esempio, scegliere una stampante scorrendo una lista che riporta a malapena 40 o 50 modelli di cui più della metà fuori produzione). In pratica potete valutare queste alternative se volete creare un pc con cui divertirvi nell’informatica durante il tempo libero, vi assicuriamo che alcuni di essi presentano delle caratteristiche interessanti.

In questa fase una menzione particolare, per sciogliere le imprecisioni che vi ruotano attorno, spetta a due prodotti targati Google: Chrome OS ed Android.

Chrome OS è il sistema operativo creato da Google per i pc, è disponibile come preinstallato su hardware specifico esattamente come il Mac, si rivolge ad una fascia di prezzo bassa ed è poco conosciuto in Italia; in realtà si tratta di un sistema Linux dove l’interfaccia grafica è demandata al browser web Google Chrome e dove i vari software sono delle applicazioni web (necessita quindi sempre di un collegamento ad internet di alta qualità, forse per questo la sua diffusione in Italia è bassa).

Anche Android è un sistema operativo della famiglia Linux privato di molti componenti, ma a differenza di Chrome OS è studiato per essere utilizzato su smartphone e tablet; oggi, data la discreta potenza che hanno raggiunto alcuni tablet, viene proposto dai rispettivi produttori di hardware come possibile sostituto ultra portatile dei notebook: si tratta di un espediente commerciale, ma potete ben immaginare che all’atto pratico la differenza con un pc è incolmabile e, difatti, la Google stessa non ha mai neanche accennato all’eventualità di sostituire il pc con un tablet Android.

Cristiano Bergoglio

Commenta