Roma, 20 feb – Per la prima volta nella storia del nostro Paese, Facebook è stato condannato dal Tribunale di Roma per violazione del diritto d’autore e per diffamazione.
La storica decisione della giurisprudenza italiana viene a tutela del copyright e nasce da una causa avviata da Mediaset.

Nel 2012, alcuni utenti anonimi aprono una pagina Facebook dedicata a Kilari, un cartone animato trasmesso  all’epoca da Italia Uno. Tra i link pubblicati dalla pagina ve ne erano alcuni che rimandavano a gravi insulti e commenti offensivi rivolti all’interprete della sigla del cartoon e anche a contenuti tutelati da diritto d’autore, illecitamente caricati su YouTube.

Facebook ha fatto “orecchie da mercante” davanti alle numerose diffide dei proprietari dei diritti d’autore e di Mediaset e ha dunque razionalmente scelto, attraverso gli anni, di non rimuovere nè contenuti nè i link incriminati.
Mediaset è stata costretta, quindi, a ricorrere alla magistratura. E ora i giudici del Tribunale di Roma, hanno condannato Facebook per diffamazione e per violazione del diritto di autore.

Questa sentenza è la prima in Italia che indichi nettamente la responsabilità di un social network per una violazione avvenuta attraverso dei semplici “link”, quindi con la condivisione di indirizzi relativi a pagine esterne alla piattaforma.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here