Roma, 11 gen – E’ Alessandro Gassmann l’ultimo vip che va ad aggiungersi alla lunga lista dei volti noti che, in questi giorni, sembrano aver qualcosa di molto importante da dire sul governo gialloverde e, in particolare, su Matteo Salvini. L’attore romano in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, ribadisce il suo dissenso nei confronti della politica del leader della Lega: “Non ho votato Salvini, non condivido in nessun modo le sue idee“. E continua: “A un certo punto secondo dovrà smettere di accumulare consenso e far qualche cosa. Siamo in attesa che questo avvenga”.

E sulla vicenda della Sea Watch non perde occasione per fustigare l’approccio del vicepremier e vestire i panni dell'”eroe buono”: “Mi occupo di rifugiati da qualche anno ed è per me un grandissimo onore. Non solo l’Italia, ma anche l’Europa ha fatto una figuraccia: una mancanza totale di umanità e sensibilità. Servono delle regole che aiutino a salvare le persone e a tornare a recuperare un minimo di senso umano”.
Come tiene a ricordarci ogni tre per due, infatti, Gassmann è ambasciatore dell’Unhcr – l’agenzia delle Nazioni unite per i rifugiati – ma il suo peculiare modo di “occuparsi” di queste persone è stato già smascherato dalle Iene in un servizio del 2015 quando la trasmissione gli propose di ospitare un profugo e ricevette una secca risposta negativa.

Nel 2016 il figlio d’arte rimediò un’altra brutta figura. Pubblicò sul suo account Twitter una foto di Matteo Salvini con la didascalia: “Anche noi, come gli inglesi, abbiamo una via chiara e sicura per uscire dall’Ue”. Terminò il suo post con l’impietoso hashtag “#mancolicani”. Chi ebbe la meglio nello scontro a colpi di cinguettii fu però il leader della Lega che molto elegantemente rispose: “Leggo che Alessandro Gassmann, dopo la Vittoria della Brexit, ha twittato una mia foto insultandomi con la scritta #mancolicani. Dovrei prendermela? no, ci rido sopra pensando al grande Vittorio, lui sì un grande attore. Non sempre i figli sono all’altezza dei padri”. L’hashtag? “#rosicone”.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Anche noi siamo in attesa che questo comunistoide, ipocrita e pseudo intellettuale,si tolga dagli zebedei………..il solito piddino autoreferenziale che ama la democrazia a senso unico………..i patrioti non passeranno mai di moda,si rassegni,ci dovrete ammazzare uno ad uno…o peggio spararci alle spalle come nel dopoguerra……….facile fare politica quando si è artisti “famosi”, scenda fra la gente invece di fare il solone……….ci vuole poco coraggio ad offendere un ministro con una intervista ad uno pseudo giornale sinistro. Auguroni.

  2. Lui come tutti gli altri suoi colleghi alla baglioni, parlano di accoglienza sì, ma fatta coi soldi degli altri. Loro, milionari, non ne hanno assitito direttamente manco uno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here