Roma, 7 mag – Non c’è stata nessuna nota ufficiale alla fine del vertice, ma i ben informati parlano di due ore a Palazzo Grazioli ad altissima tensione. Il nuovo tentativo di accordo tra Salvini e Di Maio si è infranto contro un Silvio Berlusconi irremovibile: “Io non faccio nessun passo indietro come vuole Di Maio. Vuole che diamo un appoggio esterno al suo governo con la Lega, che facciamo da ruota di scorta? Mai. O andiamo a chiedere un incarico per il centrodestra, oppure piuttosto andiamo a votare”. Parole riportate da alcuni fedelissimi dell’ex Cavaliere, che come prevedibile a dare un appoggio esterno ad un governo M5S-Lega non ci pensa proprio.

Questa a grandi linee era stata la proposta formulata da Matteo Salvini, in accordo con Di Maio, a Silvio Berlusconi: un premier concordato e non ostile, tre ministri vicini e graditi al presidente di Forza Italia più presidenza della commissione speciale per riformare la legge elettorale. E ovviamente l’assoluta garanzia sulla tutela delle aziende. Una proposta per il momento rispedita al mittente (mentre scriviamo è in corso un nuovo vertice a palazzo Grazioli prima delle consultazioni da Mattarella), perché l’ipotesi di un appoggio esterno significherebbe un suicidio politico per Forza Italia, molti deputati a quel punto potrebbero votare no al nuovo governo Di Maio-Salvini, ma tanti altri anche passare con la Lega.


Quello a Berlusconi suona a tutti gli effetti come un ultimatum, anche perché l’ex premier sa bene che l’alternativa è quella del ritorno alle urne, dove Salvini farebbe il pieno di voti e Forza Italia si indebolirebbe ulteriormente. “È l’ultima chance e Di Maio ha accettato una delle nostre condizioni, facendo un passo indietro. È un quadro che si può accettare se vogliamo dare un governo a questo paese”, tuona Giorgetti, braccio destro di Salvini in questa difficile gestione del post voto del 4 marzo. Nel vertice a Palazzo Grazioli è presente anche Giorgia Meloni, che in qualche modo mantiene una linea simile a quella di Berlusconi: “Andare al governo con Di Maio significa dividere il centrodestra“, sostiene la presidente di Fratelli d’Italia, che rimane dell’idea di andare in Parlamento a chiedere l’appoggio ad un esecutivo di centrodestra “a chi ci sta”. Di fatto rimediare tra Camera e Senato un’ottantina di “traditori” dagli altri schieramenti.

Insomma le divisioni nella coalizione che è arrivata prima alle ultime elezioni restano profonde. Se Berlusconi non cede, sul tavolo rimarrebbe solo l’opzione del ritorno alle urne, dal momento che Salvini e Di Maio hanno già ribadito più volte il loro no ad un esecutivo “del presidente” tradotto in un nuovo governo tecnico, mentre Renzi ha stoppato ogni possibilità di accordo M5S-Pd. Insomma a più di 60 giorni dal voto nessun nuovo esecutivo sembra davvero all’orizzonte. Vedremo se dalle consultazioni di oggi uscirà qualche novità.

Davide Di Stefano

 

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here