Los Angeles, 11 lug – L’attrice Evan Rachel Wood ex musa di Marilyn Manson e protagonista di Westworld mette in guardia il pubblico femminile sostenendo che la serie Netflix Stranger Things sia fortemente maschilista.

Hopper “sotto accusa”

Nel caso specifico, la Wood se la prende con il personaggio di Jim Hopper (David Harbour) e la sua relazione Joyce Byers, interpretata da Winona Ryder. In un tweet, la Wood ha descritto la relazione tra i due personaggi come violenta e “tossica”, “avvertendo” le spettatrici di evitare, nella vita reale, i tipi come Hopper, poiché la sua  “estrema gelosia” nei confronti della ex moglie sarebbe “preoccupante”. L’attrice accusa dunque Stranger Things di “normalizzare un comportamento tossico”.

“Normalizzare un comportamento tossico”

“Si, sono consapevole che è “solo” una serie televisiva” twitta la Wood “e che è ambientata negli anni ottanta, ma persino all’epoca certi comportamenti non erano tollerati.
Tra i comportamenti di Hopper che l’attrice stigmatizza c’è anche quello di essere un tipo troppo sbrigativo e di essere un fumatore. Peccato, però, che per grande parte delle scorse stagioni Hopper è anche l’unico a prendersi veramente cura di Undici, la bambina con gli inquietanti poteri attorno alla quale ruota tutta la serie Stranger Things (e che, a sua volta, è protetta ed aiutata da tutti i suoi amici maschi).

Qualche utente le fa notare che nella serie Westworld lei interpretava un cyborg che riprogramma le menti altrui fino a spingere altri al suicidio. Ma la Wood replica: “Il robot che interpretavo reagiva alla violenza che aveva subito da parte degli uomini”, dandone così una visione femminista. Molto probabilmente la Wood era troppo impegnata con il movimento MeToo per poter vedere le prime due stagioni di Stranger Things. 

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. mai visto Stranger Things..
    ma adesso che mi dice di non guardarla perchè è fortemente maschilista
    non me la faccio scappare.
    …sperando che gli venga un infarto,alla woods
    😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here