Roma, 21 feb –  Emma Marrone scopre la sua verve politica così, d’improvviso, e lo fa schierandosi – come va di moda – contro il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

E lo fa sul palco durante una tappa del suo tour a al Palasele di Eboli. La salentina ha deciso di prendere una netta posizione contro il governo dichiarandosi contraria alla linea dei “porti chiusi” agli immigrati portata avanti da Matteo  Salvini.
A concerto quasi finito, l’ex concorrente di Amici di Maria De Filippi ha dunque urlato ai suoi ammiratori: “Aprite i porti!”.


La sua invocazione, inizialmente, sembra essere stata presa bene dai fan presenti al Palasele. Non paga di ciò, però, la cantante ha soggiunto: “Fai bene e dimentica, fai male e pensa”.
Sui social la reazione alla svolta “politica” della Marrone non è stata altrettanto calda come quella del pubblico del concerto: una volta condivise le foto e i video dello spettacolo sui suoi profili Facebook ed Instagram oltre agli apprezzamenti c’è stata una pioggia di critiche e di attacchi.

Più di qualche utente la invita caldamente ad “aprire la porta di casa sua” e a non occuparsi di politica. “Apri il tuo ricco portafoglio prima, – scrive qualcun’altro sul sup profilo Facebook – poi hai il diritto di parlare per gli altri che hanno il degrado sotto casa. Ma a voi radical chic che vi frega: Aprite i porti, poi dove finite, chi vi sfrutta, oltre 10.000 minori immigrati SPARITI lo scorso anno, traffico di organi gestito dalla mafia nigeriana, ..come campate poi sono ca..vostri, …ma finiscila!!”. Altri, ancora, la accusano di aver prestato la sua voce al dissenso per il governo solo per notorietà.
In ogni caso, per la “povera” Emma, le cose non sono andate come previsto – la coscienza politica si è rivelata un boomerang, meglio le campagne pubblicitarie per i prodotti di intimo.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

14 Commenti

    • Forse dovresti ritornare alle elemenrari e ripassare la punteggiatura. I punti di sospensione, che in ogni caso sono tre, hanno una loro funzione e non sostituiscono punti virgole e punti esclamativi.

  1. Veramente una grande statista,siamo di fronte all’ennesima paladina della giustizia alla ” rovescia “………. Una vita a cinque stelle,una brava cantante,una esistenza dorata……. ed ovviamente gli amatissimi negroidi a rompere il cazzo ai poveri sudditi italioti,nelle periferie ridotte a latrina…………… Sulla scia di altre colleghe comunistoidi……….”apriamo i porti” ragliano ai quattro venti………. tanto a queste artiste superiori della pelle degli italiani ,che vivono in prima linea , non gliene frega un emerito cazzo………..ovviamente, i pennivendoli sinistri parlano di paese razzista quando oramai siamo di fronte ad un bollettino di guerra quotidiano , con agenti feriti da bestie iraconde africane o autisti pestati a sangue, passeggeri derubati e minacciati,per non parlare dello spaccio……….aprite prima le vostre residenze dorate poi apriamo i porti……..scendete dal pero.

  2. Brava Emma continua così! Farai sempre più schifo come i tuoi pseudo ammiratori! Ah dimenticavo… Emma sei marrone come la merda!

  3. Insulti non insultare ma Ema non sa forse che succede in Italia..?? Mafia Nigeriana che fanno scomparire tanti bambini che arrivano senza genitori…E tante altre brutte cos’è…!!

  4. Emma ha sbagliato, non comprende, vista la sua posizione, i danni che provoca , non conoscendo il corano. Non si rende conto, che le persone che sono entrate fino ad ora, per la maggior parte sono musulmane, le violenze che sono state messe in atto da costoro, sono descritte nel corano, che vi piaccia o no, il cristiano e’ l’infedele per il musulmano e non potra’ mai esserci pace con loro, non la vogliono l’obiettivo e’ la distruzione del cristiano dell’ebreo ecc. Le violenze sono una conseguenza della loro religione, che impone violenze e uccisioni. Cio’ che state vedendo, e’ quello che vogliono farvi vedere e sentire di buono per impietosire, attendendo il momento opportuno per applicare la sciaria. ” Rifletta Emma prima di dire Aprite i porti.”

  5. Armando Bettozzi

    “L’applauso”

    Mani s’accordano per accordare
    o no il successo a chi fa…e a chi dice…
    È commozione da comunicare
    per dir mi piace…per dir son felice…

    La sua misura è la sua intensità:
    più o meno breve…tranquilla…o eccitata,
    come pel bis che si chiede, e si dà,
    può esser spontaneo, o…sol di facciata.

    C’è chi le sette camicie, ci suda!
    C’è chi lo riscuote per…servilismo,
    chi solamente perché si denuda,
    chi lo ottiene…senz’alcun virtuosismo.

    C’è quello più facile da ottenere
    col lancio d’appelli (neanche sentiti –
    -ma sono da…effetto!…), e in più c’è il “potere”
    del palco, con già applausi garantiti.
    Canta, Emma Marrone, e non…svicolare…
    Buoni, gli appelli …bonisti…Ma poi?…
    Le soluzioni pel poi…le sai dare?…
    “Aprite i porti!”…Sì!…E poi…tu:…che puoi…?…!…

    Armando Bettozzi
    1 marzo 2019

  6. […] Salerno, 12 mar – C’è un nuovo pasionario nella musica italiana: questa volta a “moralizzare” il vicepremier Matteo Salvini interviene Giuliano Sangiorgi, cantante del gruppo salentino Negramaro. Al termine del concerto tenutosi ad Eboli l’11 marzo, il leader del gruppo saluta il pubblico gridando: “A noi per il culo non ci prendono! Noi siamo gente di mare e il mare è di tutti”. Evidente il riferimento alle politiche sull’immigrazione del leader della Lega. Sangiorgi decise di prendere in mano l’argomento proprio dallo stesso palco da cui l’altra novella ribelle contro il sistema Emma Marrone invocò all’”apertura” dei porti,… […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here