Il Primato Nazionale mensile in edicola

Sanremo, 5 mar – Orietta Berti è la zia o la nonna che tutti vorremmo avere: genuina, ma gentile e (all’apparenza) dolce e materna. Come tutte le nostre nonne o zie di una certa età, però, non se la cava benissimo con le parole non italiane. La gaffe quindi è dietro l’angolo.

Orietta Berti e i duetti “particolari”

Orietta Berti, come saprete, è a Sanremo dove ha presentato il suo pezzo Quando ti sei innamorato. Ok, non è esattamente il top dell’avanguardia, ma a differenza di altri giovani virgulti, Orietta nostra non ha mai preso una stecca e ancor oggi ha un’estensione notevole. Nel corso di una diretta social ha risposto alla domanda su chi le piacerebbe avere come partner in un duetto dicendo: “Con chi mi piacerebbe fare un duetto? Con la Madame, con Ermal Metal e” dulcis in fundo “con i Naziskin».

Ma erano i Maneskin!

Ora è evidente che Orietta Berti si riferisse in primis a Ermal Meta e i “naziskin” da lei evocati altri non sono che i Maneskin, che ieri si sono pure esibiti in un pezzo dei CCCP insieme a Manuel Agnelli. Alla fine Orietta, 77 anni portati benissimo, ieri ha duettato con Le Deva con Io che amo solo te splendido pezzo di Sergio Endrigo, eseguita alla perfezione in una serata che ha visto astri nascenti penalizzati dai microfoni e artisti sul pezzo come Noemi e Neffa andare drammaticamente fuori sincrono.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta