coppi_faustoTortona, 2 gen –  “Un uomo solo è al comando; la sua maglia è biancoceleste; il suo nome è Fausto Coppi”. Con queste parole, pronunciate da Mario Ferretti, si aprì la radiocronaca della tappa Cuneo-Pinerolo, terzultima frazione del Giro d’Italia 1949. Quella corsa, al pari della Milano-Sanremo 1946, resta l’impresa più leggendaria di Coppi. Gino Bartali forò e l’Airone si lanciò in una fuga di dimensioni bibliche, ben 192 i chilometri con il vento in faccia, scavalcando sempre in testa Maddalena, Vars, Izoard, Monginevro e Colle del Sestriere tagliando il traguardo con 11’52” proprio su Bartali e 20’04” su Alfredo Martini.

Di lui Eddy Merckx, il Cannibale, disse: “Le vittorie di Coppi sono diventate romanzo, le mie cronaca”. Il Campionissimo ha un palmares vastissimo, fu il primo corridore nel 1949 a centrare la doppietta Giro-Tour, impresa poi ripetuta nel 1952. Vanno aggiunte tre Sanremo, cinque classiche delle foglie morte, il Giro della Lombardia, il Giro d’Italia 1940, 1947 e 1953, la sublimazione per ogni corridore il Campionato del Mondo di Lugano nel 1953 staccando tutti alla sua maniera e il record dell’ora il 7 Novembre del 1942 sotto i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Poi ancora la leggenda della Dama Bianca, l’amore, l’amore cieco, pazzo quello dell’eroe del pedale e Giulia Occhini, una relazione contro il buoncostume degli anni ’50 perché amanti con un matrimonio alle spalle per entrambi. I due si conobbero proprio grazie al marito di lei il dottor Enrico Locatelli, fedelissimo coppiano. Poi quell’ultimo volo nel dicembre 1959 in Africa nell’allora Alto Volta – oggi Burkina Faso – per un Criterium assieme ai corridore Raphel Geminiani, Jacques Anquetil, Roger Riviere, Henry Anglade e Roger Hassenforder. Conclusasi la corsa Coppi e Geminiani si recarono ad una battuta di caccia nelle riserve di Fada N’gourma e Pama, ed è li che contrasse la malaria, ma i medici sbagliarono la diagnosi. Nonostante una telefonata di Geminiani che si era a sua volta si era ammalato, riprendendosi dopo otto giorni di coma. La sua ultima uscita in pubblico per l’incontro di calcio Alessandria-Genova. Ma ormai era troppo tardi, bastava del chinino, la lenta ed inesorabile morte mentre Castellania era imbiancata dalla neve. L’Airone il 2 gennaio 1960 spiegò le ali e staccò tutti, senza più voltarsi.

Fausto Coppi semplicemente il più grande.

 

Lorenzo Cafarchio

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here