Roma, 11 lug – Ieri sera la Francia ha battuto 1 a 0 il Belgio e si è qualificata per la finale dei Mondiali di Russia 2018, dove sfiderà la vincente di Croazia-Inghilterra. La rete decisiva è stata segnata dal difensore del Barcellona Samuel Umtiti. Già il nome del marcatore – com’è evidente – non è proprio «francese». Nato a Yaoundé, capitale del Camerun, Umtiti è infatti un africano poi naturalizzato francese. Tra i Bleus, però, Umtiti non è certo l’unico allogeno. E lo sa benissimo Repubblica, che ha così commentato alla vigilia dell’incontro: «Francia-Belgio non è solo una partita di calcio, ma lo schema dei nostri tempi e di un diverso mondo possibile. Nella nazionale francese che cerca la Coppa del mondo vent’anni dopo quella di Zidane (il quale ha origini algerine) e che già rappresentava un misto di bianchi, neri e arabi, giocano addirittura 19 calciatori su 23 la cui famiglia non è di origine francese. E il piccolo Belgio ha comunque 11 figli o nipoti di immigrati».

Leggi anche: In Burkina Faso si tifa Francia al Mondiale: “È una squadra africana”

L’autore del commento, Maurizio Crosetti, in effetti ha ragione: la semifinale di ieri è stata un po’ lo specchio dell’Europa di oggi e uno sguardo su quella del futuro. Ma non nel senso gaudente e autorazzista che intende l’articolista di Repubblica, che non a caso decanta le presunte virtù palingenetiche dello ius soli. Osservando la gara da un’altra prospettiva, infatti, si può ben dire che Belgio-Francia ci ha messo davanti agli occhi con estrema crudezza la sostituzione etnica oggi in atto in tutto il nostro continente. E se Francia e Belgio hanno comunque un passato coloniale di lunga data, lo stesso non può dirsi dell’Italia. La quale, tuttavia, non è certamente al riparo dalla recente immigrazione di massa.

Per questo Repubblica forza la mano e torna alla carica: «E si ripensa alla fresca fotografia delle quattro staffettiste italiane con la medaglia d’oro, quella che in molti hanno definito “la risposta a Pontida”: persino da noi, dentro i nostri ristretti confini soprattutto mentali, è passato il messaggio plurietnico ma non necessariamente plurinazionale, o addirittura antinazionale. Lo sport anticipa, elabora, sperimenta e poi spiega: è una didascalia facile, perché usa parole e immagini alla portata di tutti, non fa intellettualismi ma esempi». Crosetti ha ragione: è una didascalia facile, empatica, che azzera il dibattito, accende i fari su qualche calciatore milionario e li spegne, al contrario, sulle sterminate periferie fatte di degrado, criminalità e terrorismo. Insomma, è facile costruire la «narrazione» su Kylian Mbappé, il piccolo fenomeno uscito dalle banlieue per diventare un campione. Molto più difficile – almeno per Repubblica – è invece capire che, per uno che ce la fa, ce ne sono decine di migliaia che mettono a ferro e fuoco le periferie, bruciano la bandiera francese in piazza, tifano Algeria e si rifiutano di cantare l’inno. E non saranno di certo Kompany e Lukaku a cancellare la drammatica realtà di Molenbeek, culla del terrorismo islamista in terra belga e specchio di un’Europa che – piaccia o non piaccia a Repubblica – noi non vogliamo e non vorremo mai.

Giovanni Coppola  

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. non so niente di calcio…però il già ricordato Zidane è un Berbero,ossia un appartenente alla antica popolazione BIANCA che occupava i Paesi africani affacciati sul Mediterraneo,
    i quali testimoniano -se mai- i problemi dati dalla immissione di etnie allogene,come quelle sub-sahariane proprio in quelle aree nei corsi dei secoli.

    in ogni caso…se dovesse passare lo strano concetto che bisogna immettere a piena forza immigrati dall’Africa per vincere una partitella di calcio o i mitici “Giochi del Mediterraneo” come quelle “nuove italiane” che tanto hanno eccitato gli “iussolisti” io personalmente ne faccio volentieri e meno.

  2. L’articolo di repubblica sulle nazionali di belgio e francia multirazziali me lo aspettavo. Da un giornale provinciale e radical chic come quello era inevitabile. Quello che non capisco è la mania esterofila della sinistra italiana. I francesi e i belgi si vogliono suicidare ? Bene, suicidiamoci anche noi… Quanta carta sprecata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here