Ivrea, 24 mag – A ogni tappa del Giro d’Italia disseminate nello stivale si accompagnano scritte a sostegno dei propri beniamini del ciclismo. Molte sono sui muri, altre direttamente sull’asfalto. Questa volta, una è comparsa in una rotatoria del centro storico della città piemontese di Ivrea. Il messaggio è chiaro.

Comparire in tv, il sogno

Questa notte è infatti apparso un messaggio peculiare, vergato a vernice rosa (come quella della famosa maglia dei campioni su due ruote): “W il Giro d’Italia e W la Fica”. Devono essere le due passioni principali dell’artista del pennello che questa notte ha circondato di vernice questa rotatoria. In brevissimo tempo la spiritosa scritta e le fotografie a lei dedicate sono diventate virali sui social. Attualmente, però, non si conosce chi sia l’artefice del gesto; quel che è certo, però è che la sua intenzione è – come quella di molti altri scrittori improvvisati tra i seguaci del Giro d’Italia – fare sì che la sua “opera” comparisse nelle dirette televisive in occasione della tappa di domenica 26 maggio 2019, durante la Ivrea-Como, la tappa più lunga del Giro d’Italia.

La “censura” non perdona


Purtroppo, però, qualcuno sembra non aver gradito il sense of humour del fan del ciclismo: già stamattina, alcuni operai comunali avevano tolto la parte “osé” della scritta, lasciandola dedicata all’amatissimo Giro d’Italia e lasciandola orfana dell’altrettanto amata e agognata caratteristica femminile.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Articolo inutile.
    Vorrei capire quale sia il senso,elogio dell’eterosessualita?
    Tanto dei frutti della propria eterosessualità di quest’epoca ne godono i cialtroni e per inerzia i ‘diversi’.

  2. Era solo una battuta ironica………. Questo ignobile perbenismo sinistrorso ha rotto il cazzo…….per cui viva la patata,la patatina,la Patatona………. Ogni tanto è concesso ancora ridere in questo derelitto paese………la censura rai è ignobile, ridicola ed indegna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here