Istanbul, 14 sett – Gli azzurri perdono contro una Serbia implacabile, per la terza volta consecutiva nel torneo continentale l’Italia esce ai quarti di finale. La squadra di Djordjevic non perdona a rimbalzo grazie alla prestanza fisica di Marjanovic e Kuzmic (19-44 per i serbi a fine partita). A creare il parziale decisivo per chiudere la partita è il neo-giocatore dei Sacramento Kings, Bogdan Bogdanovic (22 punti) che dirige magistralmente il gioco offensivo della Serbia. Per la nostra nazionale che non è ancora attrezzata per fare quel salto di qualità che le permetterebbe di andare a medaglia ora si profila un futuro incerto vista l’età che avanza per i suoi giocatori più rappresentativi come Belinelli, Datome, Hackett, Cusin e Gallinari. Il prossimo obiettivo saranno le qualificazioni ai Mondiali in Cina del 2019, serve un ricambio generazionale che però si fatica a intravedere, il compito spetterà al neo-commissario tecnico Meo Sacchetti che subentra a Ettore Messina.

Tornando alla partita gli azzurri partono bene nel primo quarto con una buona difesa fatta di continui raddoppi del duo Cusin-Melli, la Serbia corre ai ripari affidandosi ai centimetri del centro Marjanovic e la prima frazione si chiude sul 17-18 per gli uomini di Djordjevic. Il secondo quarto crea il divario decisivo, gli azzurri fanno fatica ad andare a canestro e concedono troppi tiri liberi agli avversari (26/29 in totale). Messina tenta la carta Burns (9 punti) che prova a smuovere l’Italia ma il dominio serbo nei rimbalzi offensivi crea troppi secondi tiri e i conseguenti punti. Il divario prima della pausa è di 10 punti per la Serbia (27-38).


Nella ripresa non cambia la musica, Serbia padrona del campo e gli azzurri che tirano con pessime percentuali anche da tre, 27% dalla lunga distanza. Con il canestro di Marjanovic la Serbia tocca il +14 (40-54) al 5′ minuto. Le riserve azzurre provano a rientrare in partita a due minuti dal termine, ma il fiscale arbitro giapponese Kato fischia un fallo tecnico alla panchina azzurra e sfuma il possibile possesso del -6. Ci pensano i canestri di Macvan e Bogdanovic a tenere a distanza gli azzurri e chiudere la pratica. La Serbia va in semifinale e affronterà la Russia, nell’altra partita invece si affronteranno la Spagna dei fratelli Gasol contro l’imbattuta Slovenia del duo Dragic-Doncic.

ITALIA – SERBIA 67-83 (17-18; 33-44; 48-59)

Italia: Belinelli 18, Datome 15, Burns 9.

Serbia: Bogdanovic 22, Macvan 13, Lucic 11.

Guido Bruno

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here