Istanbul, 14 sett – Gli azzurri perdono contro una Serbia implacabile, per la terza volta consecutiva nel torneo continentale l’Italia esce ai quarti di finale. La squadra di Djordjevic non perdona a rimbalzo grazie alla prestanza fisica di Marjanovic e Kuzmic (19-44 per i serbi a fine partita). A creare il parziale decisivo per chiudere la partita è il neo-giocatore dei Sacramento Kings, Bogdan Bogdanovic (22 punti) che dirige magistralmente il gioco offensivo della Serbia. Per la nostra nazionale che non è ancora attrezzata per fare quel salto di qualità che le permetterebbe di andare a medaglia ora si profila un futuro incerto vista l’età che avanza per i suoi giocatori più rappresentativi come Belinelli, Datome, Hackett, Cusin e Gallinari. Il prossimo obiettivo saranno le qualificazioni ai Mondiali in Cina del 2019, serve un ricambio generazionale che però si fatica a intravedere, il compito spetterà al neo-commissario tecnico Meo Sacchetti che subentra a Ettore Messina.

Tornando alla partita gli azzurri partono bene nel primo quarto con una buona difesa fatta di continui raddoppi del duo Cusin-Melli, la Serbia corre ai ripari affidandosi ai centimetri del centro Marjanovic e la prima frazione si chiude sul 17-18 per gli uomini di Djordjevic. Il secondo quarto crea il divario decisivo, gli azzurri fanno fatica ad andare a canestro e concedono troppi tiri liberi agli avversari (26/29 in totale). Messina tenta la carta Burns (9 punti) che prova a smuovere l’Italia ma il dominio serbo nei rimbalzi offensivi crea troppi secondi tiri e i conseguenti punti. Il divario prima della pausa è di 10 punti per la Serbia (27-38).

Nella ripresa non cambia la musica, Serbia padrona del campo e gli azzurri che tirano con pessime percentuali anche da tre, 27% dalla lunga distanza. Con il canestro di Marjanovic la Serbia tocca il +14 (40-54) al 5′ minuto. Le riserve azzurre provano a rientrare in partita a due minuti dal termine, ma il fiscale arbitro giapponese Kato fischia un fallo tecnico alla panchina azzurra e sfuma il possibile possesso del -6. Ci pensano i canestri di Macvan e Bogdanovic a tenere a distanza gli azzurri e chiudere la pratica. La Serbia va in semifinale e affronterà la Russia, nell’altra partita invece si affronteranno la Spagna dei fratelli Gasol contro l’imbattuta Slovenia del duo Dragic-Doncic.

ITALIA – SERBIA 67-83 (17-18; 33-44; 48-59)

Italia: Belinelli 18, Datome 15, Burns 9.

Serbia: Bogdanovic 22, Macvan 13, Lucic 11.

Guido Bruno

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here