Uno dei luoghi che merita di essere visto almeno una volta nella vita è sicuramente l’Egitto. Culla di una delle più antiche civiltà e ricco di siti archeologici, in questa terra è possibile fare un viaggio nel tempo e immergersi in una civiltà millenaria. Dal Cairo, passando per le piramidi di Giza, fino a Sharm el Sheikh: un viaggio che unisce la cultura con il divertimento, per una vacanza a 360 gradi che saprà conquistarvi. L’idea più classica per visitare l’Egitto è quella di prenotare una crociera sul Nilo. Lungo le acque del fiume avrete infatti la possibilità di ammirare le piramidi e stupendi paesaggi naturali.

Crociera sul Nilo: come organizzarla


Ormai sono tantissimi i tour operator che propongono un viaggio di questo tipo e conviene affidarsi a questi piuttosto che pianificare la crociera da voi. I viaggi organizzati infatti hanno il vantaggio di offrire un pacchetto completo di prenotazione del volo, cabina, escursioni… A bordo dell’imbarcazione inoltre è quasi sempre presente dell’intrattenimento, così da poter allietare anche le vostre serate.

I prezzi sono molto vari e potete trovarne un po’ per tutte le tasche: si passa dalla crociera di lusso con nave dotata di ogni comfort a viaggi low cost, con possibilità di prenotazione last minute. La durata di solito va dai tre agli otto giorni, a seconda del numero di attrazioni di cui è prevista la visita.

L’itinerario classico va da Assuan a Luxor e ciascuna riva del fiume è caratterizzata da un significato particolare. La parte a est infatti è dedicata alla vita, con la valle dei templi, mentre quella a ovest rappresenta la morte, con le tombe dei faraoni. Oltre alle meraviglie archeologiche, lungo il fiume potrete vedere branchi di gazzelle e altri animali, per uno spettacolo naturale che vi lascerà senza fiato.

Egitto

Le più belle attrazioni archeologiche da visitare

Si fa presto a dire piramidi. In Egitto è presente uno dei più grandi complessi archeologici al mondo, con opere monumentali indimenticabili. Prima fra tutte vi è sicuramente la necropoli di Giza, situata vicino a Il Cairo e ultima delle sette meraviglie dell’antichità a essere ancora in piedi. Qui ci sono le tre piramidi dei faraoni Cheope, Chefren e Micerino, nonché la Grande Sfinge dal muso di leone, che si dice ritragga proprio Cheope.

Nei pressi della località di Luxor abbiamo poi la famosissima Valle dei Re, un antico complesso dove per più di 500 anni furono sepolti i sovrani. Le tombe sono numerate in ordine di scoperta ed è anche possibile visitarne l’interno. Tra queste vi è la celeberrima tomba di Tutankhamon, uno dei faraoni più iconici dell’antico Egitto. All’interno dell’area vi è inoltre il complesso formato dal Grande Tempio di Amon e dal Tempio di Luxor, la cui grandezza complessiva è di 300000 metri quadri. Il complesso è costituito da varie stratificazioni che risalgono alle diverse dinastie dei faraoni e non è possibile distinguere quale fosse il primo nucleo.

Un’altra necropoli che merita di essere menzionata è quella di Saqqara, che ospita la celebre piramide a gradoni di Djoser che, si dice, sia la più antica del paese. Un altro luogo che deve essere assolutamente visitato è il sito archeologico di Abu Simbel, che fu fatto erigere dal faraone Ramses II. Questo è costituito da due grandissimi templi in pietra, quello maggiore e quello minore e da diversi anni è patrimonio dell’Unesco.

Il Cairo, la capitale

Non si può andare in Egitto senza ovviamente visitare la città de Il Cairo, caotica e misteriosa, ma soprattutto ricca di luoghi da scoprire. La capitale dell’Egitto è un perfetto esempio di come antichità e modernità si fondano alla perfezione, dando vita a un capoluogo dove si intrecciano stradine strette e palazzi contemporanei.

La prima meta da visitare in questa città è il Museo Egizio, dove è possibile ammirare il sarcofago d’oro di Tutankhamon e le ricchezze che sono state trovate al suo interno. Nel quartiere islamico è poi possibile passeggiare tra gli edifici caratteristici e visitare le moschee, fantastici esempi di architettura in stile ottomano.

Non può mancare inoltre una capatina al bazar di Khan el-Khalili, il caratteristico mercato all’aperto dove ci si può divertire a contrattare sul prezzo di spezie, profumi e piccoli oggetti. Vi è anche la Cittadella, una massiccia fortezza da cui si può godere di una bellissima vista su tutta la città.

Immersioni a Sharm el Sheikh

Se desiderate unire alla cultura anche un’attività sportiva, un suggerimento è quello di recarvi a Sharm el Sheikh, nota per i meravigliosi fondali marini dove si può praticare immersioni subacquee e ammirare l’incredibile varietà di pesci tropicali e tartarughe.

La barriera corallina offre uno spettacolo mozzafiato e inoltre le immersioni possono essere effettuate tutto l’anno grazie alla temperatura gradevole dell’acqua che oscilla tra i 18 e i 26 gradi. Una delle zone più consigliate per fare snorkeling è il Parco Nazionale Ras Mohammed, vicino a Sharm, dove è anche possibile fare delle escursioni.

Vita notturna

A completare la vostra vacanza da sogno in Egitto non può guastare un po’ di divertimento e da questo punto di vista le città principali hanno molto da offrire. Tanti sono infatti i bar, pub e locali notturni dove passare una serata in compagnia. Se amate ballare le discoteche di Sharm el Sheikh fanno sicuramente al caso vostro. La più famosa e il Pacha, aperta tutte le sere, con eventi a tema e diverse attrazioni.

A Il Cairo invece la zona di riferimento è quella centrale di Piazza Tahrir, dove sono presenti tanti ristorantini, caffetterie e teatri. Molti locali sono arredati come delle spiagge, con cuscini al posto delle sedie. Qui è possibile gustare dell’ottimo tè e provare a fumare il narghili, una pipa ad acqua. Va poi menzionato il Festival Oriental Dance che si svolge tutti gli anni nella capitale e propone fantastici show per gli appassionati di danza del ventre.

I piatti da assaggiare

Per un immersione totale nella cultura egiziana non bisogna dimenticare infine il cibo. La cucina egiziana ha una doppia influenza, quella mediterranea (greca e libanese), più presente nel nord del paese e quella africana, che caratterizza il sud. I due cibi principali sono il pane di farina integrale e il riso. Vengono utilizzate molto le verdure come le melanzane e i legumi come fave e fagioli.

Uno dei piatti tipici da assaggiare assolutamente è il torly, una casseruola fatta con spezzatino di agnello e verdure, una vera squisitezza. Vi sono poi numerose zuppe di carne, pesce o legumi chiamate shurbah, tutte da provare. Qui tutte le pietanze sono coloratissime e arricchite con semi di sesamo e spezie come cumino e coriandolo. Si tratta insomma di una cucina diversa dalla nostra e tutta da scoprire!

Concludendo: l’Egitto vi aspetta con le sue mille attrazioni, organizzate il vostro viaggio, non ve ne pentirete!