Roma, 29 nov – Gianluca Ferrero è il nuovo presidente della Juventus. Dopo il terremoto che ha sfasciato l’intero Cda bianconero nella serata di ieri, la società ha già indicato chi sarà il successore di Andrea Agnelli.

Le indicazioni di Exor su presidente e nuovo Cda

Secondo quanto riporta l’Ansa la Exor, ovvero la holding della famiglia Agnelli dietro la Juventus, ha praticamente indicato il nome del nuovo presidente della società, Gianluca Ferrero. Con una raccomandazione importante, come si legge nella nota ufficiale: “Ferrero possiede una solida esperienza e le competenze tecniche necessarie, oltre a una genuina passione per il club bianconero, che lo rendono la persona più adeguata a ricoprire l’incarico”. La Exor è in procinto di comunicare una lista completa di coloro che comporrano il nuovo Consiglio di amministrazione: secondo come prescrive la legge, ciò dovrebbe avvenire a 25 giorni dalla prossima assemblea, prevista per il 18 gennaio.

Chi è Gianluca Ferrero

Gianluca Ferrero è nato a Torino nel 1963. Laureato in Economia e commercio, nel 1989 si è iscritto all’Ordine dei Dottori commercialisti e degli esperti contabili del capoluogo piemontese, prima di iscriversi anche, dal 1995 al Registro dei revisori legali. Svolge anche il ruolo di consulente tecnico del giudice presso il Tribunale di Torino. L’esperienza di Ferrero a livello aziendale è indubbiamente confermata dal suo curriculum piuttosto ricco, che comprende l’attuale presidenza al Collegio sindacale di Fincantieri, oltre che della sua presenza in numerose altre realtà come Praxi Intellectual Property Biotronik Italia, Gedi Gruppo Editoriale, Nuo e Lifenet. Occorrerà, con sano realismo, analizzare anche il tipo di presidenza che eserciterà Ferrero. Di fronte a un trauma societario così forte come quello appena attraversato, non si può escludere che si tratterà di un incarico del tutto passeggero. Vedremo.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta