american-sniper03Roma, 16 gen – È un sottoufficiale del Goi, il gruppo operativo incursori della Marina Militare italiana, che si è aggiudicato il gradino più alto del podio nella competizione internazionale di tiro di precisione ICASD (International Concentration for Advanced Sniping).

Il contest tenutosi nel mese di ottobre a Artà, in Gibuti, ha visto sfidarsi le élite militari del mondo, in una esercitazione volta a testare le capacità degli sniper delle diverse forze speciali. A contendersi il titolo di “miglior cecchino” soldati dei Commando Hubert e Mont Fort della marina francese, CPA 10, 1° RPIMA, il GIGN, gruppo speciale della polizia francese, i famosi Navy Seals americani e i nostri del G.O.I., arditi incursori di marina e 9^ Rgt. Col Moschin.

Considerando l’altissimo livello di preparazione dei contendenti in campo la competizione si è trasformata in un confronto ad altissimo livello tecnico operativo.

Cosi nello scenario desertico e roccioso di Artà i ventisei sniper, a coppie, si sono misurati per quindici giorni dall’ alba a notte fonda in diverse attività: tiri di interdizione, tiri di soppressione su lunghe distanze, tiri da elicottero, percorso di assalto, tiro a distanze sconosciute (unknown distance game), tiro angolato a lunga distanza con tutti i calibri dotazione italian-navy-specop-pride-at-djibouty-sniper-compatition-danilo-amelotti-21(5,56 ; 308; 338; 50BMG; 9mm).

Una prova dura che però rispecchia tutte le possibilità operative in cui uno sniper è chiamato ad operare.

Al termine della competizione, il miglior piazzamento è stato per il nostro sottufficiale di marina che si è messo dietro Navy seals e Gign francesi raccogliendo il plauso della marina italiana.

Altro che american sniper

Alberto Palladino

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteSiria, altri 400 addestratori Usa per i ribelli. Errare è umano ma…
Prossimo articoloSerie A, tutti i particolari del big match Lazio-Napoli
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

3 Commenti

  1. Mi dispiace contradire molte fonti, in Libano nel 1987 vi era un tenente Italo-francese che sparo ed uccise piu di 300 nemici e questo con tiro notturno a distanza di 500/600 metri in un periodo di 6 mesi. Aveva solo 19 anni. ho avuto occasione di incontrarlo a Drakar nel campo francese e posso dire con certezza delle sue geste perche mi occupavo in neutrale del archivio sparo… Scusate il mio italiano.
    ho saputo in seguito che nel 1999 in Kosovo a colpito ancora pero non posso dare ciffre e so per certo che e stato spedito in afghanistan qualche anno dopo. ricordo le iniziali che aveva sulla mimetica JMF di piu non ho mai saputo. Dunque a voi americani ed altri per patriotismo o no avete molta strada da fare ancora.

  2. I maro’ sono gli uomini del San Marco, non gli incursori del G. O. I.

    X yiri.
    L’articolo parla di fatti recenti e dimostrabili, non di leggendari personaggi. I francesi non sono arrivati primi, non avevano nessun “jmf” a farli vincere. E soprattutto non siamo americani ne’ abbiamo bisogno di chi ci dia indicazioni su “strade da fare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here