Il Primato Nazionale mensile in edicola

omicidio di fermo nigerianoFermo, 7 lug – Cosa è davvero successo a Fermo? Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Corriere della Sera fanno massa critica. Il presidente Renzi twitta: “Il Governo oggi a Fermo con don Vinicio e le Istituzioni locali in memoria di #Emmanuel contro l’odio, il razzismo e la violenza”. Insomma, tutta l’intellighenzia sinistra è sicura: la tragedia di ieri, dove Emmanuel Chidi Namdi è morto, ha il colore del razzismo. Anzi, dell’aggressione a sangue freddo spinta dal razzismo verso una coppia “sfuggita dal dittatore Boko Haram” (lo strafalcione è opera del blogger di sinistra Saverio Tommasi). Tutti i media riportano esclusivamente la versione della moglie di Chidi Namdi, che afferma che la coppia sarebbe stata prima apostrofata con insulti razzisti e in seguito aggredita con calci e pugni a terra. C’è solo un dubbio nella versione dei media nazionali. “Non è chiaro chi tra Namdi e l’ultrà 35enne abbia sradicato un palo della segnaletica usandolo come arma“. Dubbio che fa venire voglia di controllare meglio le fonti.

Il Resto del Carlino, nell’edizione locale, riporta infatti tutta un’altra versione, molto più dettagliata e scevra dalla retorica dell’accoglienza. La coppia di rifugiati e due giovani di Fermo si sarebbero incrociati in viale Veneto e si sarebbero scambiati qualche insulto. Su questo punto le due versioni combaciano. Non combacia ovviamente la materia del contendere. Il fermano Amedeo Mancini sostiene di averli rimbrottati perché stavano aggirandosi in modo sospetto intorno alle auto, la moglie della vittima dice di essere stata chiamata “scimmia”. Le due coppie comunque si dividono. Ma dopo 5 minuti è Chidi Namdi a tornare indietro e si re-incrociano in piazza Ostili Ricci. E anche su questo le versioni combaciano. Qui scatta la collutazione e qui c’è la discrepanza più grossa. Secondo la versione del fermano a passare dalle parole ai fatti è la coppia di nigeriani.

Lei tenta di mettere le mani addosso al giovane e il marito spinge Mancini fino all’altra parte della strada, prende un palo della segnaletica stradale e comincia a colpirlo fino a farlo cadere a terra. Solo per un caso fortuito il fermano riesce a rialzarsi e a difendersi. Nella collutazione Emmanuel Chidi Namdi cade e sbatte la nuca sull’asfalto perdendo coscienza all’istante. La corsa in ospedale, una prima ispezione medico legale riscontra che i traumi sono quelli al volto e alla nuca. Traumi compatibili con la versione fornita da Mancini. Se non bastasse la versione del fermano è confermata dall’amico e da tre donne estranee alla collutazione. Ma evidentemente l’allarme razzismo fa vendere qualche copia in più.

Roberto Derta

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta