Il Primato Nazionale mensile in edicola

Gerusalemme, 27 feb – Una parte della barriera di separazione nel campo profughi di Shoafat sito nella parte est di Gerusalemme è crollata oggi a causa del maltempo. Durante la notte, più di 20 millimetri di pioggia sono caduti a Gerusalemme e forti getti di pioggia hanno causato il crollo del muro su cui è stata delineata la barriera di separazione. Alcuni residenti del campo nel nordest della città hanno festeggiato per l’incidente, accaduto nella stessa zona l’anno scorso e anche nel 2013.

Il campo profughi di Shoafat, come per altri quartieri di Gerusalemme Est, fu incluso nei confini municipali della città e dichiarato appartenente entro i confini dello Stato di Israele con una decisione governativa presa nel 1967.
Secondo il sito web israeliano Haaretz, palestinesi furono riconosciuti come residenti permanenti in Israele e avevano la possibilità di richiedere la cittadinanza israeliana. Portano le carte di identità israeliane e hanno diritto ai benefici dei residenti dello stato e sono obbligati a soddisfare gli obblighi previsti dallo status.

Quindi i residenti di Shofat potrebbero “liberamente” entrare a Gerusalemme – ma non è così semplice come sembra. La barriera di separazione della West Bank, costruita nel 2003, separa Shoafat dal resto della città, costringendo i suoi residenti a spostarsi verso i checkpoint. Shoafat contiene 30.000 persone: 90.000 di esse, che rappresentano tra un quarto e un terzo degli abitanti palestinesi di Gerusalemme Est, vivono nei quartieri “a sinistra” dalla parte “sbagliata del muro” fuori dalla Gerusalemme “propriamente detta”.

Ilaria Paoletti

Commenta