Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 nov – Non c’è solo la politica tra le passioni di Vittorio Feltri. Da bravo bergamasco, il direttore di Libero è infatti anche un accanito tifoso dell’Atalanta, la squadra bergamasca che, sotto la guida di Gian Piero Gasperini, offre un calcio bello e concreto al tempo stesso. Non è un caso che la Dea sia riuscita ad arrivare addirittura in Champions League, nonostante molte compagini della Serie A fossero molto più attrezzate per accedere alla massima competizione europea. Ma non c’è solo questo: anche quest’anno infatti, malgrado il doppio impegno, l’Atalanta sta facendo benissimo in campionato, confermandosi su livelli eccelsi. Ma sabato qualcosa è andato storto. E Feltri non ha gradito.

Feltri usa l’ironia

La Dea, infatti, ha ospitato la capolista del campionato, la Juventus. Una vera corazzata che, in Italia, detta legge ormai da otto lunghi anni. Sfruttando anche il fattore campo, l’Atalanta aveva messo sotto i bianconeri: in vantaggio di 1 a 0, dopo aver persino sbagliato un rigore, fino al 75’ la squadra nerazzurra sembrava in controllo assoluto della partita. Poi però la Juventus, sfruttando i fuoriclasse in rosa, è riuscita a ribaltare la gara: 1-3 il risultato finale. Ma, anche stavolta, non sono mancate le polemiche, soprattutto riguardo alla rete del vantaggio juventino, viziata da un evidente fallo di mano del terzino bianconero Juan Cuadrado. Di qui la furia di Feltri: «Novità nel calcio. La Juventus può giocare con i gomiti e con le mani», ha scritto su Twitter con ironia il direttore di Libero.

La reazione degli juventini

Il fallo di Cuadrado, che peraltro era già ammonito, è in effetti solare. Eppure l’arbitro non l’ha visto, e neanche il Var è potuto intervenire, poiché la rete bianconera è arrivata diversi secondi dopo l’irregolarità del terzino colombiano. Di conseguenza, mancava il requisito dell’immediatezza per legittimare l’intervento della tanto discussa «moviola in campo». Ma l’amaro in bocca per gli atalantini ovviamente rimane. Anche per Feltri. Insomma, il direttore di Libero non l’ha presa bene. Ma non l’hanno presa bene neanche i tifosi juventini, che infatti hanno iniziato a bombardare il suo profilo Twitter. «Faccia giornalismo, non parli di calcio, che non ne capisce un cazzo!», è un commento molto gettonato tra i molti presenti. Qualcuno sfodera l’ironia: «Ecco un altro a cui è giunta l’ora di andare a guardare i lavori nei cantieri» tra i più irriverenti. Ma c’è anche chi recrimina: «In realtà abbiamo il record di rigori assurdi contro. Persino Gasperini ha ammesso che non c’era il rigore dato all’atalanta», scrive un altro. Incurante delle critiche, però, Feltri ha ulteriormente rincarato la dose: «Vincere una partita di calcio con un colpo di mano diverte molto». Il tutto in attesa, ovviamente, della partita di ritorno.

Gabriele Costa

Commenta