Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 feb – “Da noi si è verificata la situazione più sfortunata possibile, cioè l’innescarsi di un’epidemia nel contesto di un ospedale, come accadde per la Mers a Seul nel 2015″. Così il professor Massimo Galli, ordinario di Malattie infettive all’Università degli Studi di Milano e primario del reparto di Malattie infettive III dell’Ospedale Sacco di Milano, in un’intervista al Corriere della Sera fa il punto sull’emergenza coronavirus. “Non è affatto detto che in altri Paesi non possa capitare la stessa cosa“, aggiunge l’esperto spiegando che “purtroppo, in questi casi, un ospedale si può trasformare in uno spaventoso amplificatore del contagio se la malattia viene portata da un paziente per il quale non appare un rischio correlato: il contatto con altri pazienti con la medesima patologia oppure la provenienza da un Paese significativamente interessato dall’infezione”.

“L’epidemia ospedaliera implica casi di contagio anche quaternari”

Secondo Galli, pertanto, “l’epidemia ospedaliera implica una serie di casi secondari e terziari, e forse anche quaternari” perciò quel che resta da capire ora bene è “come si è diffusa l’infezione e come si diffonderà”. Si tratta di un pericoloso effetto domino che impedisce di stabilire l’entità del contagio e l’estensione dell’epidemia fino a che non si manifesteranno nuovi casi di positività al virus. “Che poi la trasmissione sia avvenuta inizialmente davvero in un bar o in un altro luogo – aggiunge il medico – andrà verificato quando avremo a disposizione una catena epidemiologica corretta. Quello che si può dire di sicuro è che queste infezioni sono veicolate più facilmente nei locali chiusi e per contatti relativamente ravvicinati, sotto i due metri di distanza“.

“Possibile che virus sia arrivato attraverso qualcuno quando era ancora in incubazione”

Pertanto è verosimile che il virus si sia introdotto in Italia attraverso qualcuno che, dice il professor Galli, arrivato “in una fase ancora di incubazione, abbia sviluppato l’infezione quando era già nel nostro Paese con un quadro clinico senza sintomi o con sintomi molto lievi, che gli hanno consentito di condurre la sua vita più o meno normalmente e ha così potuto infettare del tutto inconsapevolmente una serie di persone” ma – fa presente l’esperto – “se l’avessimo fermato alla frontiera avremmo anche potuto non renderci conto della sua situazione”. Perciò se così tanti casi si sono sviluppati in Lombardia e Veneto lo si deve forse anche al fatto che “Lombardia e Veneto sono le regioni in cui sono più intensi gli scambi con la Cina per ragioni economiche e commerciali, e in cui c’è inoltre un’importante presenza di cittadini cinesi” anche se non è affatto detto che “a portare il virus in Italia sia stato un cinese, potrebbe essere stato anche un uomo d’affari italiano di ritorno da quel Paese”.

“Forse con la stagione calda i casi diminuiranno”

Purtroppo, dunque, con il primo paziente “non si è potuto capire subito cosa avesse. Ora bisogna vivere normalmente seguendo le indicazioni delle autorità. La diffusione globale della malattia aiuterà a trovare prima un vaccino“. Alla domanda del quotidiano se con l’arrivo della stagione calda c’è da aspettarsi che i casi diminuiscano, Galli risponde così: “Mi auguro di sì ma per un virus nuovo non ci possono essere certezze”. In Cina, nel 2002-2003, la Sars effettivamente è scomparsa verso giugno-luglio. È però difficile dire se sia accaduto per l’arrivo del caldo, per la riduzione delle aggregazioni in luoghi chiusi o per gli interventi messi in atto. Anche le analogie con le epidemie influenzali sono possibili soltanto fino a un certo punto perché alcune di esse non si sono attenute in modo rigoroso all’andamento stagionale”, conclude il professore.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta