Roma, 22 gen – Cerchi lavoro? Prova a spacciarti per un rifugiato, sarà molto più facile farti assumere. Un emendamento introdotto a fine dicembre nella legge di bilancio, per iniziativa del deputato Pd Giuseppe Guerini, prevede infatti degli incentivi per le cooperative sociali che nel 2018 assumeranno con un contratto a tempo indeterminato ai titolari di protezione internazionale. L’incentivo consiste in un contributo, entro il limite di spesa di 500 mila euro annui, a riduzione dello sgravio delle aliquote per l’assicurazione obbligatoria previdenziale ed assistenziale dovute, relativamente agli assunti. Il titolo di protezione internazionale dovrà essere sta riconosciuto a partire dal 1 gennaio 2016.

Grazie a questa norma, i rifugiati vengono equiparati alle categorie protette, in modo da incentivarne l’assunzione. Una legge fatta per favorire i disabili verrà quindi utilizzata per spalancare le porte del mondo del lavoro a ragazzoni in piena salute. La misura sarà in vigore per una durata di tre anni. Ora il governo sta lavorando al decreto di attuazione ministeriale. La definizione dei criteri di assegnazione e ripartizione è, infatti, demandata ad apposito decreto interministeriale, da emanare entro 60 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento. Le leggi in favore dei giovani italiani e delle famiglie, intanto, possono aspettare. Per la politica italiana, la priorità va sempre allo straniero.

Roberto Derta

Commenti

commenti

8 Commenti

  1. ….il loro obiettivo è chiaro: costruirsi un nuovo bacino elettorale, visto che hanno perso, completamente, quello del popolo italiano..

  2. Che simpatici questi piddini, come un attacco di colite ulcerosa,che esseri supremi e superiori,quanto amano il vile
    denaro……….per cui soldi a pioggia alle cooperative,soldi a pioggia al partito sponsorizzato dalle cooperative…..facile e semplice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here