Roma, 5 nov – Violentava le figlie della sua amante: a Monza una storia di violenza sessuale “familiare”. L’uomo, di 70 anni, è stato arrestato dopo cinque anni in cui perpetrava gli stupri.

Monza, uomo 70enne violentava le figlie dell’amante

Come riporta Tgcom24, l’uomo arrestato, di età 70 anni, violentava le figlie della sua amante. Secondo quanto emerso dalle indagini della Squadra Mobile, gli abusi dell’uomo nei confronti delle ragazzine erano durati per circa cinque anni, ovvero dal 2015 al 2020. Una delle due figlie della donna, dopo aver iniziato a fare uso di droga e aver pensato a lungo al suicidio, ha raccontato l’accaduto a un medico dell’ospedale di Monza, dove successivamente è stata ricoverata. La ragazzina ha confessato l’accaduto definendolo come un “peso”, “una cosa vergognosa e grave che non aveva mai detto a nessuno”. La giovane, a 11 anni, era stata violentata insieme alla sorella, “dall’uomo della mamma”.

I tentativi della donna di coprirlo

L’amante dell’uomo ha cercato di coprirlo, cercando in tutti i modi di non fare emergere come egli violentava le figlie. Infatti, quando gli operatori sanitari hanno avvisato la Procura di Monza, questa ha interrogato le due ragazze. Una di loro ha confermato tutto, ma la donna ha cercato di farla ritrattare, sostenendo che le sarebbe convenuto e che, in cambio, le avrebbe fatto un regalo. La ragazza ha raccontato anche che l’uomo aveva inviato un video in cui si masturbava, chiedendole in cambio foto intime. L’altra sorella, invece, ha provato a negare, nonostante l’accertamento degli abusi.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta