Roma, 5 ago – Il bimbo perde il suo robot-giocattolo con le ali e scrive alla polizia per segnalare il “fatto spiacevole”, come riportato da Tgcom24.

Robot con le ali smarrito, la letterina del bimbo alla Polizia

Il bambino di 5 anni si chiama Matteo. E si era dispiaciuto per la perdita del suo giocattolo preferito: un robot con le ali per il quale, a seguito dello smarrimento, aveva scritto una letterina addirittura alla polizia. Per la precisione al Commissariato di Bardonecchia (Torino). Questo perché è lì che si trovava il piccolo, in vacanza con i genitori. Il bimbo, parlando del robot alla polizia, nella lettera parla di “fatto spiacevole”. Una lettera che iniziava così: “Buongiorno, signor poliziotto, scusi il disturbo”. Per poi chiedere “per favore” di “attivare le indagini”. Perché? “Stanotte non ho chiuso occhio perché mi manca il mio giocattolo”. Infine, una descrizione molto dettagliata dell’oggetto: “le ali si aprono, parla ma ha le pile scariche, e sotto il piede c’è scritto Matteo ma ora è un po’ scolorito”.

Il regalo degli agenti

Gli agenti del commissariato, evidentemente colpiti dalla lettera del bambino, hanno deciso di accontentarlo e di fare una colletta per comprargliene uno identico. Così, quando il bimbo è passato nella centrale, ha trovato il regalo dei poliziotti, quindi un robot identico. “Agente Lisa”, pagina Facebook della Polizia di Stato, così commenta l’episodio: “Una sorpresa inaspettata che ha fatto emozionare anche i suoi nuovi amici del commissariato di Bardonecchia, e che lui di certo non dimenticherà”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta