Il Primato Nazionale mensile in edicola

ravennaRavenna, 20 lug – Per un islamista che “pesca il jolly” e riesce nel suo intento di fare la strage con decine di morti, ce ne sono tanti che, quasi giornalmente, non sono altrettanti efficienti e le cui gesta trovano solo qualche eco in trafiletti di cronaca. È il caso del muratore albanese di 28 anni che ha sparato un colpo di pistola in un parco pubblico di Ravenna e aveva altri quattro proiettili nell’arma. L’uomo è stato arrestato domenica dalla polizia.



Di fede musulmana, frequentatore di una moschea, nelle pareti della camera dove vive sono state trovate scritte in albanese come “Allah è grande”. Interrogato dagli inquirenti, l’uomo non ha dato giustificazioni sul perché avesse con sé una pistola rubata, una Smith & Wesson, che invece ha detto di aver acquistato. Pare che nell’ultimo periodo avesse manifestato un certo disagio e che alcuni amici gli avessero consigliato di leggere il Corano.

Il Gip di Ravenna, pur non convalidando l’arresto, ha disposto la custodia cautelare in carcere per l’uomo, accusato di porto e detenzione di arma da fuoco e ricettazione. Copia degli atti sarà trasmessa all’antiterrorismo di Bologna, coordinata dal procuratore aggiunto Valter Giovannini. Il clima, in tutta Europa, si fa sempre più teso.

Roberto Derta

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta