corattiRoma, 4 gen – Un attentato incendiario a dir poco sospetto. Nella notte, infatti, è andato a fuoco l’ufficio politico di Mirko Coratti, esponente del Pd ed ex presidente dell’Assemblea capitolina. “Ex” perché dopo essere finito, in qualità di indagato, nell’inchiesta su Mafia Capitale, Coratti si è autosospeso dal partito.

L’esplosione si è verificata intorno alle tre di notte in via della Bufalotta a Roma. La deflagrazione ha danneggiato il locale, distrutto la serranda esterna e infranto i vetri di alcuni appartamenti vicini e di un bar.

Non ci sono feriti. Da escludere, comunque, la causa accidentale: a quanto pare, nel locale sarebbero state trovate tracce di liquido infiammabile versato da una finestra posteriore. I vapori del liquido avrebbero poi saturato il locale, causando la deflagrazione.

Giuliano Lebelli

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta