Roma, 19 giu – Maturità al via per oltre 500.000 studenti delle scuole superiori dello Stivale. Si è partiti stamattina alle 8,30 con la prova scritta di italiano. La password per accedere alle tracce è stata pubblicata sul sito del Ministero, www.miur.gov.it, e sui profili social. Tra gli argomenti non vi sarà la storia: le sette tracce sono state divise in tre tipologie (A,B,C). Sono uguali per tutti gli indirizzi di studio e spazieranno su diversi ambiti: dall’artistico al letterario e filosofico, passando per quello scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico.

Le tracce

Tema di attualità C1 – La traccia si riferisce ad un testo tratto dal discorso del prefetto Dottor Luigi Viana, in occasione delle celebrazioni del trentennale dall’uccisione del martire della mafia Prefetto Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, di Emanuela Setti Carraro e dell’agente Domenico Russo. A gli studenti viene chiesto di redigere un elaborato traendo spunto dalla drammatica vicenda attraverso letture e le conoscenze personali.

Tema di attualità C2 – Sport e storia. Si parte dall’articolo del giornalista Cristiano Gatti pubblicato su Il Giornale, che racconta la vittoria al Tour de France del campione di ciclismo Gino Bartali nel 1948, avvenuta in un momento di forte tensione dopo l’attentato a Togliatti.

Testo Argomentativo 1: La traccia parte da un testo tratto da Tommaso Montanari, Istruzioni per il futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà, sul valore del patrimonio culturale.

Testo Argomentativo 2: la traccia parte da un testo tratto da Steven Sloman – Philip Fernbach L’illusione della conoscenza

Testo argomentativo 3: l’eredità del novecento, con brano tratto dall’introduzione di Corrado Stajano, giornalista e scrittore, alla raccolta di saggi La cultura italiana del Novecento.

Per quanto riguarda la letteratura, il ministero quest’anno ha proposto la traccia su Giuseppe Ungaretti. Il porto sepolto, una breve poesia che porta il titolo della prima e omonima raccolta di Ungaretti, pubblicata a Udine nel 1916 e confluita nella raccolta L’allegria, diventando una delle più note della poesia ungarettiana. La seconda proposta è Leonardo Sciascia con Il giorno della civetta, romanzo che racconta la storia di alcuni omicidi commessi dalla mafia e dell’impegno del comandante dei Carabinieri Bellodi per scoprire la verità. Trae spunto da un episodio reale di cronaca: l’omicidio del sindacalista Accursio Miraglia per mano della mafia, avvenuto a Sciacca nel 1947.

Gli auguri dei ministri

Quella di quest’anno sarà la maturità dei nati nel 2000, la cosiddetta Generazione Z. Così il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha voluto salutare su Facebook tutti gli studenti impegnati nelle prove: “Ci siamo! Noi del Miur Social vogliamo fare un in bocca al lupo a tutti i maturandi che oggi svolgeranno la prima prova scritta”. Un incoraggiamento è arrivato su Facebook anche dal ministro Marco Bussetti che per l’occasione ha voluto citare Seneca: “Cari ragazzi, è arrivato il momento. Forza! Sono certo farete del vostro meglio! Buon lavoro a tutti e ricordatevi ‘La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’opportunità’“. Anche il ministro dell’Interno Salvini si unisce agli auguri: “Da Palazzo Chigi, un pensiero per chi oggi affronterà (e supererà alla grande) l’esame di Maturità, e un abbraccio anche a tutti i Prof. La vita vi aspetta, l’Italia ha bisogno di voi, forza ragazze e ragazzi!”

Cristina Gauri

 

Commenti

commenti

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here