Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 ago – A quanto si apprende dal blog del giornalista Ugo Maria Tassinari, è morto Achille Lollo, ex militante di Potere Operaio ed ex terrorista condannato per il famigerato rogo di Primavalle. La notizia è stata divulgata da un altro protagonista della sinistra extraparlamentare degli anni Settanta, Dario Mariani: «Apprendo della morte di Antonio Pennacchi e di Achille Lollo. […] Lollo, che ho incrociato da giovanissimo nelle strade di Primavalle, è stato personaggio che non ho mai particolarmente amato, anche da prima ed anche indipendentemente dalla tragica ed orrida vicenda in cui è stato coinvolto nel 1973», ha scritto su Facebook l’ex militante di Lotta Continua.



Leggi anche: Primavalle: quando i miliardari rossi davano fuoco ai ragazzini proletari

La strage e la latitanza

Nel rogo di Primavalle furono assassinati Virgilio e Stefano Mattei (22 e 8 anni di età), figli di Mario Mattei, segretario locale del Movimento sociale italiano, e per questo preso di mira dai terroristi rossi. Aiutati da Franca Rame, moglie di Dario Fo, grazie al «soccorso rosso», i responsabili della strage iniziarono la loro latitanza. Achille Lollo riparò in Brasile, dopo aver fatto tappa in Svezia e in Angola. Fece ritorno in Italia nel 2011, dove era stato condannato a 18 anni di reclusione per incendio doloso, duplice omicidio colposo, uso di esplosivo e materiale incendiario, ma con pena prescritta nel 2005.

Leggi anche: Primavalle, apposta una targa per i fratelli Mattei: ma la Raggi non si presenta

La seconda vita di Achille Lollo

Recatosi in procura come persona informata sui fatti di Primavalle, Achille Lollo confermò la sua versione: l’azione terroristica fu realizzata da sei persone, e cioè lui, Marino Clavo, Manlio Grillo, Paolo Gaeta, Elisabetta Lecco e Diana Perrone. Giornalista, Lollo ha continuato per anni a scrivere per testate della sinistra antagonista, ma anche per l’Antidiplomatico, giornale online vicino al M5S. Proprio la vicinanza di Lollo ai pentastellati fu al centro di aspre polemiche nel 2016.

Elena Sempione

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. chissà perchè….
    le brave persone campano SEMPRE poco e male,
    mentre questa feccia con le mani sporche di sangue
    muore sempre da vecchia e nel suo letto,invece che in una fetida segreta con un tavolaccio,una finestra a francobollo a sei metri di altezza…
    due dita d’acqua sul pavimento e pantegane extrabigsize che girano.

    qualcuno me lo sa spiegare?

  2. Ben più bastardi porci di A. Lollo & C. sono tutti coloro, e sono tanti, che li hanno poi protetti il più possibile e per anni ! Genitori esclusi. E’ bene non dimenticare.

Commenta