Roma, 17 gen – In Europa esistono organizzazioni che sostengono l’immigrazione clandestina; non stiamo parlando delle solite ONG che operano nel Mediterraneo davanti alle coste libiche per poi sbarcare i migranti sulle nostre coste, con fascicoli investigativi ancora aperti presso le Procure siciliane. Ricordiamo che ad agosto, Jugend Rettet ha ricevuto dalla Procura di Trapani tre avvisi di garanzia per “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina” destinati a tre membri dell’organizzazione e a Padre “Mosè” Mussie Zerai, oltre al sequestro giudiziario della nave Iuventa, e che ad ottobre la Vos Hestia di Save The Children è stato perquisita e il comandante Marco Amato iscritto nel registro degli indagati. No, le organizzazioni di cui parliamo agiscono all’interno dell’Unione Europea, consentendo ai migranti illegali di superare le frontiere nazionali per raggiungere la Germania.

La più conosciuta, anche perché presente sui principali social network, è Fluchthelfer (aiuta i migranti); andando sul sito dell’organizzazione[1] (che non si capisce come possa essere ancora attivo viste le numerose denunce a suo carico, come ad esempio quella del 2015 del membro del partito austriaco FPO, Christian Hafenecker[2]) si legge: “Diventa un escape agent e aiuta le persone a raggiungere un futuro migliore! Ad esempio, potresti dare ai rifugiati un passaggio in macchina mentre torni da una vacanza nel sud Europa”. Ovviamente non si tratta solo di “rifugiati” ma bensì spesso di immigrati clandestini, a cui spesso è già stato consegnato il “foglio di espulsione” dall’Italia: questo è un chiaro reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina punibile penalmente.

Per incentivare gli sprovveduti a entrare nella rete dell’organizzazione, i responsabili scrivono: “Come escape agent puoi aiutare a far diventare la società libera realtà. All’interno dell’area Schengen ciò non comporta alcun rischio significativo ed è anche relativamente facile da fare. Conosciamo molte persone che hanno aiutato le persone a fuggire dal loro paese (dall’Italia). Ma sappiamo anche che molti Ministeri e forze di polizia fanno tintinnare le loro sciabole per impedirlo. Ma questo non è un gioco. Per alcuni rifugiati è una questione di vita o di morte”.

L’organizzazione Fluchthelfer, per coordinare meglio il network di escape agent, forniva a pagamento anche uno “starter kit” al costo di 100 euro e la possibilità di fare una donazione a favore del “fondo per l’assistenza legale” a sostegno di chi veniva sorpreso dalle forze dell’ordine; al momento l’account del sito INDIEGOGO[3] usato per la campagna raccolta fondi di Fluchthelfer è fermo al 2015, presumibilmente dopo la denuncia di Christian Hafenecker.

Le operazioni di crowfunding si sono spostate su un altro sito The Peng Collective[4], che sembrerebbe gestito dagli stessi ideatori di Fluchthelfer.

Peng Collective è tuttora attivo come si può riscontrare anche dall’account Twitter; alla voce “chi siamo” riportata sul sito betterplace.org dove hanno pianificato una passata raccolta fondi leggiamo: “Alcuni di noi hanno lavorato in ONG, altri nel giornalismo, altri nelle PR e nessuno di noi era felice. Volevamo vedere azioni e campagne migliori, più radicali e più convincenti.(…) Proprio di recente, abbiamo mobilitato le persone ad aiutare i rifugiati ad attraversare le frontiere in Europa”[5]. Oltre ai “passaggi” ai migranti illegali, Peng! Collective finanzia la disobbidienza civile e l’attivismo radicale contro la “fortezza” europea, nascondendosi dietro al tono ironico.

Quindi Fluchthelfer e Peng! Collective sono legati da una stretta collaborazione, e hanno consentito a centinaia di migranti irregolari di girare indisturbati in Europa, commettendo di fatto il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ma chi si cela dietro a queste organizzazioni? Le informazioni presenti sui relativi siti sono scarse e si riducono al “come fare l’escape agent” e “come fare per supportarci”. Ma andando nella sezione “legal” di Peng Collective scopriamo che il sito appartiene all’organizzazione Peng! e.V che riporta come indirizzo il numero di una casella postale di Berlino e che i legali rappresentanti sono Jean Peters (pseudonimo di Paul von Ribbeck) e Faith Bosworth (pseudonimo di Gloria Spindle)[6] e Ruben Neugebauer.

Ruben Neugebauer è meglio noto per essere il responsabile media della ONG Sea Watch[7] che con la sua nave è ancora attiva al largo delle coste libiche. Veramente una curiosa coincidenza che il legale rappresentante di un’organizzazione che raccoglie fondi per assoldare escape agent in Europa sia anche il portavoce di una ONG tedesca con un’ideologia decisamente radicale operante in zona SAR.

Ma è scavando nelle credenziali del dominio registrato di Fluchthelfer che si giunge alla vera scoperta: il dominio del sito di Fluchthelfer è stato registrato tramite l’indirizzo email di Paul von Ribbeck, vero nome di Jean Peters legale rappresentante di Peng! E V. Quindi dietro all’organizzazione che incentiva i cittadini europei a commettere il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ci sarebbe proprio uno dei responsabili di Peng Collective, che si definisce ironicamente un artista goliardico della comunicazione politica.

Due piccole curiosità che mostrano il livello di arroganza degli amministratori di Peng! E V: sul sito dell’organizzazione Peng Collective, ogni volta che si ricarica la pagina dedicata al “team” i nomi cambiano, e sulla pagina delle informazioni legali scrivono: “Non lasciamo tracce e abbiamo un esercito di avvocati”.

L’indirizzo email di Paul von Ribbeck è “paulribbeck@riseup.net”; Riseup.net è un provider sviluppato da un collettivo con sede a Seattle che ha l’obiettivo di garantire la privacy e la non tracciabilità dei loro clienti: “Il nostro scopo è aiutare e sostenere la creazione di una società libera, un mondo libero dai bisogni e dove ci sia libertà di espressione, un mondo senza oppressioni e gerarchie, dove il potere sia condiviso equamente. Facciamo questo mettendo a disposizione dei nostri alleati impegnati nella lotta contro il capitalismo e le altre forme di oppressione, risorse per la comunicazione e l’elaborazione dei dati[8].

Abbiamo consultato anche diversi articoli che già nel 2015 denunciavano l’attività illegale di Fluchthelfer: ora come “registrant organization” troviamo Escape Institute, ma all’epoca era registrata a nome di un’altra organizzazione, la Ayn Rand Institute [9], think tank statunitense fondato da Ayn Rand (Alissa Zinoveyevna Rosenbaum), scrittrice che, in vari romanzi, ha tessuto lodi sperticate del capitalismo anglosassone, cosa che, a meno che non sia volutamente ironica, sembrerebbe in netto contrasto con la “lotta contro il capitalismo” che abbiamo visto citata poco sopra.

Un’altra particolare coincidenza: fino al maggio scorso, Fluchthelfer faceva parte della piattaforma tedesca Mensch Mensch Mensch E.V.[10] (organizzazione che riunisce associazioni per la promozione dei diritti e dell’accoglienza dei migranti), come Refugees Welcome Germany, sponsor della ONG tedesca ora indagata dalla Procura di Trapani, Jugend Rettet.

Anche la sede tedesca di Refugees Welcome ha dei tratti fortemente discutibili: promuovono l’accoglienza in appartamenti messi a disposizione da privati cittadini anche a favore di immigrati irregolari[11].

Refugees Welcome è presente anche in Italia[12]; la onlus, fondata nel 2015, ha lo scopo di “diffondere il più possibile l’accoglienza in famiglia in Italia, con professionalità e capillarità” ed è sostenuta dalla Open Society Foundations di George Soros e curiosamente dal Consolato USA di Milano.

Tornando all’argomento principale, l’organizzazione “date un passaggio ad un immigrato irregolare” Fluchthelfer è attiva da prima del 2015 ed il suo operato è stato denunciato da diversi articoli pubblicati e addirittura anche da un esponente della destra austriaca: come è possibile che sia ancora attiva, il suo sito online e le sue pagine sui social network non oscurate? Come è possibile che l’account Paypal di Peng Collective sia ancora disponibile? Come è possibile che Paul von Ribbeck, Gloria Spindle e Ruben Neugebauer, legali rappresentanti di un’organizzazione che promuove la raccolta fondi per Fluchthelfer siano lasciati liberi di agire al di sopra delle leggi? Tutto fieramente propagandato da un articolo “publiredazionale” di Al Jazeera[13].

Perché il signor Max Thalbach (nome inventato, così come hanno fatto due dei legali rappresentanti di Peng Collective), intervistato dal media del Qatar, non ha il coraggio di metterci la faccia e il vero nome, allo stesso modo degli escape agent arrestati lungo i confini europei?

 

Francesca Totolo

 

NOTE

[1] Fluchthelfer: http://www.fluchthelfer.in/?lang=en#rechtliches

[2] FPÖ:Hafenecker: www.fluchthelfer.in ruft offen zum Asylantenschmuggel nach Österreich auf!: https://www.fpoe.at/artikel/fpoehafenecker-wwwfluchthelferin-ruft-offen-zum-asylantenschmuggel-nach-oesterreich-auf/

 

 

[3] Fluchthilfe ermöglichen – der Rechtshilfefonds!: https://www.indiegogo.com/projects/fluchthilfe-ermoglichen-der-rechtshilfefonds#/

[4] The Peng! Collective: https://pen.gg/support/

[5] Support beautiful trouble, spectacular civil disobedience & ethical PR!: https://www.betterplace.org/de/projects/32258-support-beautiful-trouble-spectacular-civil-disobedience-ethical-pr

[6] Aktivisten gegen den Mainstream: http://www.deutschlandfunkkultur.de/peng-collective-wird-pr-agentur-aktivisten-gegen-den.2156.de.html?dram:article_id=336136

[7] Sea Watch, contatti: https://sea-watch.org/en/contact/

[8] Riseup.net, chi siamo: https://riseup.net/it/about-us

[9] Ayn Rand Institute: https://www.aynrand.org/

[10] Analisi Ong nel Mediterraneo: https://www.lucadonadel.it/analisi-ong-nel-mediterraneo/

[11] Refugees Welcome Germania: http://www.fluechtlinge-willkommen.de/en/

[12] Refugees Welcome Italia: http://refugees-welcome.it/

[13] Germany’s intrepid refugee helpers: http://www.aljazeera.com/indepth/features/2015/09/germany-intrepid-refugee-helpers-150906084004031.html

 

 

Commenti

commenti

6 Commenti

  1. Molto chiaro e illuminante, queste organizzazioni di traditori infami stanno distruggendo la razza bianca per sostituirci con africani ignoranti che pensano poi di controllare e comandare……..poveri illusi……….noi bianchi siamo trattati come carne da macello dai servi di soros…….sono criminali aguzzini che si arricchiscono sulla nostra pelle……sono la feccia dell’umanità….

  2. ….un vecchi e stanco, molto” stanco” tedesco con una moglie arzilla che guida guardando contenta il negretto rimorchiato…sesso, così agganciano i loro ”trasportatori” ….

  3. Ottimo articolo. Si tratta in fondo di servi proni e al servizio delle elite mondialiste. In sostanza, feccia destabilizzatrice e creatrice e di caos consapevole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here