Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 31 mag – Ci dicono che nel sistema dell’accoglienza sia tutto “sotto controllo”, ma a ben vedere non sembra che le cose stiano davvero così. Allarmante, per esempio, il numero dei minori stranieri non accompagnati che diventano irreperibili. Sbarcati e scomparsi nel nulla. Per andare dove? Sono emigrati verso altre mete europee? Sono caduti preda della delinquenza? Del terrorismo? Nel 2012 erano scomparsi 1.754 minorenni, ma a fine novembre 2016 erano ben 6.508. In termini percentuali, hanno raggiunto la massima incidenza nel corso del 2015 arrivando al 34% del totale dei minorenni non accompagnati (presenti nelle strutture), valore che a fine novembre 2016 è sceso al 27,4%. Il dato emerge dal rapporto “Sperduti. Storie di minorenni arrivati soli in Italia”, lanciato dall’Unicef e dal Cnr-Irpps (Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali) nell’ambito del convegno “Per ogni bambino sperduto”, organizzato in collaborazione con la Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza.

Il rapporto evidenzia inoltre che il 2016 è stato un anno record per i minori sbarcati sulle coste italiane: 28.223 su un totale di 181.436 arrivi, dato che supera quello registrato nel 2014, anno dell’operazione umanitaria Mare Nostrum. In tutto, nel 2015, sono stati identificati 12.360 minorenni non accompagnati, il 75% di tutti i minorenni sbarcati, mentre nel 2016 si sono avute 25.846 identificazioni, pari al 92 % dei minorenni sbarcati. Al mese di ottobre del 2016 i minorenni stranieri non accompagnati che hanno presentato una domanda d’asilo in Italia sono stati 4.168, ovvero il 48,3% dei minorenni (accompagnati e non) e il 4,2 % rispetto al totale (adulti + minorenni) dei richiedenti asilo. Secondo i dati Eurostat, con 4.070 richieste di protezione presentate dai minorenni, nel 2015 l’Italia si posizionava al sesto posto in Europa.

Giorgio Nigra

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. cifre però da rivedere al ribasso con il parametro dei “finti minorenni” come quel tizio tunisino (noto Paese in GUERRA) arriivato da noi come finto profugo finto minorenne nonchè delinquente autentico (con pendenze penali anche nel suo Paese di origine) e terrorista responsabile della strage a Berlino.

Commenta