Roma, 3 mar — CasaPound Italia scende in piazza a Roma per prendere posizione sulla spinosa questione Russia-Ucraina. Le tartarughe frecciate manifesteranno sabato 5 marzo alle ore 16 in piazza Santi Apostoli per insorgere contro «lo sfruttamento e la spartizione del continente europeo, siano essi finanziari, politici, culturali o militari».

Ucraina, CasaPound scende in piazza contro ogni imperialismo

Una manifestazione all’insegna del rifiuto netto «dell’imperialismo straniero», il cui giogo, da anni, sottomette «i popoli d’Europa». «Che questo si presenti sotto forma di “cancel culture”, di autoritarismo pseudo sanitario, di usura turbocapitalista o che si presenti in armi sui cingoli di un carroarmato», spiega CasaPound Italia in una nota diffusa sui social «non possiamo più tollerare che siano i popoli europei a pagare le politiche egemoniche delle cosiddette super potenze globali.

Un nemico comune

CasaPound, quindi rifiuta «lo schema prefabbricato della guerra di civiltà e dello scontro ideologico» e «la logica devastatrice nel quale questa nuova artificiosa crisi vuole spingerci», crisi a firma di «artefici ben precisi» che «si svolge oggi sulla pelle del popolo ucraino ma da anni si svolge anche sulla pelle e nelle menti degli altri popoli europei. È necessario che da questa crisi, di cui non possiamo non condannare la violazione della sovranità ucraina, nasca l’idea millenaria e nuovissima dell’Europa libera».

Libertà dal giogo culturale e politico

Libertà deve tornare ad essere la parola chiave, «dal giogo culturale e politico, libera di difendere i suoi sacri confini tanto ad est dall’imperialismo russo e asiatico, quanto a sud dall’aggressione migratoria, quanto ad ovest da un colonialismo politico e culturale fatto di idee estranee alla nostra storia millenaria». Libertà «di determinare i propri rapporti geostrategici e soggetta solamente alla persecuzione — chiosa CasaPound Italia — del massimo bene per il suo popolo».

Aldo Milesi

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. La terra tutta è un impero in costruzione grazie a guerre, a tutti i livelli e di tutti i tipi, di inciviltà ! Che impero potrà così uscirne possiamo già intravvederlo. Senza anche la clava usata nel modo giusto l’ uomo è destinato a perire.

  2. Non mi risulta che E. Pound fosse un semisordo ! Sveglia ragazzi, andiamo un po’ oltre in equilibrio…

  3. Avrei preferito che si fosse manifestato per la perdita di libertà che gli italiani stanno subendo da 2 anni a sta parte con la scusa della farsa pandemica. Ma su quello nessuno fa niente o si indigna e pensare che c’è gente che non può lavorare e sfamare i propri figli perché non ha il vergognoso lasciapassare… ma noi continuiamo ad occuparci delle libertà degli altri!

  4. Ma quale “imperialismo russo” ?? Mosca sta semplicemente tentando di spezzare l’accerchiamento che – con l’Ucraina – sarebbe completo. Un bel vaffanculo anche a CPI !!

  5. povera casa pound…cosa hai bevuto?? osi parlare di sovranità ucreniana…hai gia dimenticato il golpe del 2014..???? povera CASA POUND

Commenta