Treviso Bresciano dice no ai profughiBrescia, 20 mar – Ci mandate i profughi? E noi chiediamo ai cittadini se li vogliono. Immaginate la risposta quale può essere stata… Tutto accade a Treviso Bresciano, comune di 550 anime in Valle Sabbia (Brescia). Secondo quanto riporta La Stampa, gli abitanti del paesino sono stati chiamati a esprimersi in forma anonima al quesito: “Volete che sul nostro territorio arrivino dei profughi?”. Alla domanda hanno risposto in totale 114 residenti (un quinto della popolazione) e la maggioranza ha detto no: 68 contro 46.

Certo, può far sorridere questa mobilitazione per soli sei immigrati, ma del resto anche il paese è molto piccolo e il timore è che, una volta accettato il principio, ne arrivino anche altri. E poi la storia va contestualizzata: in Valle Sabbia ci sono già 170 richiedenti asilo gestiti da cooperative esterne e la Prefettura ha fatto sapere che il numero potrebbe presto aumentare rapidamente.

Sulla stessa linea degli abitanti di Treviso Bresciano hanno già ribadito la loro contrarietà all’accoglienza di rifugiati anche i sindaci di Agnosine, Gavardo, Vallio Terme e Vestone. Forte il dissenso espresso anche dal presidente della comunità montana oltre che sindaco di Pertica Alta. Il precedente del ricorso al voto popolare è comunque importante per strappare la questione immigratoria all’autoritarismo dei prefetti. E, come sempre accade in questa democrazia tutta particolare, sarà ovviamente giudicato come un atto eversivo.

Roberto Derta

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta