Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 mar – Ancora vincite lungo tutto lo stivale, in questo marzo un po’ pazzo ma sicuramente fortunato.

A Chieti Scalo un giocatore ha incassato 50mila euro grazie a un “Maxi Miliardario”.
“La fortuna ha fatto esultare il giocatore come se l’Italia avesse vinto un mondiale di calcio” ha detto Mario Luciani che gestisce la ricevitoria insieme al fratello Fulvio. I due non sono nuovi ad episodi del genere; pare, infatti, che presso la loro ricevitoria le vincite siano decisamente numerose, soprattutto nell’ambito delle scommesse sportive.

A Lanciano un giocatore ha vinto 30mila euro grazie al “10 e Lotto”.

Decisamente più fortunato un cliente della tabaccheria di piazza Matteotti 7, a Castellamonte (Torino), che con un “Nuovo Turista per Sempre” da 5 euro si è aggiudicato la bellezza di quasi 2 milioni di euro: 300mila subito, 6mila ogni mese per 20 anni e 100mila come bonus finale. 

Già a febbraio un altro torinese aveva vinto 500mila euro con un “Tutto per tutto”, acquistato nel punto vendita di Via Nizza 136.

La stessa cifra vinta, sempre a febbraio, da un/a fortunato/a giocatore/trice a Corato (Bari) con un “Nuovo Doppia Sfida” acquistato in Via Paisiello 41.

«Ho messo il biglietto al sicuro e per qualche giorno vado via con la famiglia, in attesa che il clamore passi» è ciò che ha dichiarato, ancora, un altro vincitore di Rubano, un operaio di 50 anni, che con un “Maxi Milionario” ha vinto ben 2 milioni di euro. Da allora si sono perse le sue tracce.

Non solo gratta e vinci: ad andare forte sono anche le vincite nei siti online; e queste hanno l’inestimabile vantaggio che poi non devi scappare dalla città per paura dei curiosi “in attesa che il clamore passi”. Sono, al contrario, vincite “private”, ottenute dalla poltrona più comoda di casa propria, al riparo da occhi indiscreti.

È il caso di un misterioso giocatore di Trento, che giocando al blackjak nel casino live Betnero, ha vinto più di 8mila euro.

Più di 20mila sono invece gli euro vinti, sempre su Betnero, da un giocatore di Pieve San Giacomo dal misterioso nickname culinario: Bistecca87.

A incuriosire gli operatori è stato il fatto che “bistecca” abbia vinto la somma suddetta giocando più volte a giochi diversi e in giorni diversi.

Una bella fortuna, dunque, ma – c’è da dire-  anche una bella arditezza.

Perché la fortuna, si sa, aiuta gli audaci.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta