Il Primato Nazionale mensile in edicola

obamaWashington, 24 dic – E’ il botto di fine anno: gli Usa tornano a marciare forte. Nell’ultimo trimestre il Pil schizza a +5%, con un notevole rialzo sulle previsioni e sul precedente periodo, già in crescita del 3.9%. Un risultato che gli Stati Uniti non raggiungevano dal lontano 2003. La crisi, dall’altra parte dell’Atlantico sembra così essere definitivamente alle spalle.



Festeggiano i mercati, festeggia l’anglofono Matteo Renzi. Un risultato da ascrivere all’amministrazione Obama e ad illuminati manager alla Marchionne? Piuttosto alla Federal Reserve e alla capacità speculativa della finanza americana.

Black Brain

Chiariamo e riavvolgiamo il nastro al 2008, anno in cui scoppia negli Usa la bolla dei mutui subprime ed inizia il crollo del sistema bancario a stelle e strisce: all’improvviso il velo che celava un’economia fittizia e drogata, cade. La situazione precipita, fallisce Lehaman Brothers, e l’intero sistema finanziario americano è sull’orlo di un clamoroso fallimento tecnico.

A quel punto interviene Henry Paulson, Segretario del Tesoro, che stanzia tramite la Fed una clamorosa iniezione di liquidità tarocca (cioè a tasso zero) pari a 8 mila miliardi di dollari. Sì, sì, avete letto bene, 8.000 miliardi di dollari, che fra il 2009 e il 2011 servono a nazionalizzare gli asset tossici dei subprime e salvare decine e decine di banche americane.

Siamo al dunque: come trasformare tanta carta straccia in denaro vero, in moneta sonante, per far ripartire il gioco dell’americanissima crescita a debito? Siamo nel 2011, le agenzie di rating americane cominciano a declassare i debiti dei Pigs europei: parte la scorribanda della speculazione, dello spread, e dell’acquisto di Bond statali ad alto rendimento e di asset strategici svenduti a buon mercato da Italia, Spagna, Grecia, Irlanda e Portogallo. Per noi, e per tutta Europa, Germania compresa, è l’inizio di una stagnazione senza uscita. Per gli Usa, l’inizio di un nuovo ciclo. Buon Natale, Italiani.

Giacomo Petrella

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta