Il Primato Nazionale mensile in edicola

Washington, 12 mar – Viaggi in partenza e in arrivo per l’Europa sospesi per 30 giorni, a partire dalla mezzanotte di venerdì (alle 5 ora italiana): è questa la misura “dura ma necessaria” che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato in un discorso alla nazione dallo studio Ovale.

Gran Bretagna esclusa dal blocco

E’ ormai allarme coronavirus negli Stati Uniti, con almeno 37 vittime su oltre 1.200 casi accertati, tra cui anche uno al Congresso: si tratta di un membro dello staff della senatrice democratica Maria Cantewell, primo caso accertato a Washington. Lo stop ad ingressi e uscite che interessa il vecchio Continente non include però la Gran Bretagna, nonostante i 460 casi confermati, perché le misure restrittive si applicano “agli stranieri che siano stati negli ultimi 14 giorni nei 26 paesi che hanno tra loro accordi sulle frontiere aperte”, riferendosi allo spazio Schengen.

Ue: evitiamo perturbazioni economiche

Fonti diplomatiche rivelano che l’Unione europea non era al corrente del provvedimento preso da Trump: “Valuteremo la situazione oggi. Bisogna evitare le perturbazioni economiche“, ha scritto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel su Twitter. “L’Europa sta adottando tutte le misure necessarie per contenere la diffusione del virus, limitare il numero di persone colpite e supportare la ricerca”.

Trump: Europa non ha agito in fretta

Dal tycoon sono arrivate le critiche all’Europa per non aver agito tempestivamente per arginare il “virus straniero”, sostenendo che i focolai attivi negli Usa sarebbero stati “seminati” da viaggiatori europei. “Abbiamo fatto una mossa salvavita con la Cina, ora dobbiamo intraprendere la stessa azione con l’Europa”, ha puntualizzato.

Le misure per evitare la crisi

Trump è poi passato ad annunciare altre misure-tampone contro la crisi economica causata dalla pandemia: queste comprendono “un’azione di emergenza per fornire aiuto finanziario ai lavoratori che sono ammalati, in quarantena o che si stanno prendendo cura di altri contagiati”, e l’ordine diretto alla Small Business Administration di fornire capitali, liquidità e prestiti agevolati alle piccole e medie aziende colpite. Il presidente ha poi fatto richiesta al Tesoro di posticipare di tre mesi senza interessi la corresponsione delle tasse per certe aziende e certe persone colpite dalla crisi: un provvedimento che inietterà “200 miliardi di dollari di liquidità supplementare nell’economia”.

Nel frattempo dalla Nba arriva la decisione di sospendere la stagione a tempo indeterminato dopo che un giocatore di Utah Jazz è risultato positivo al Covid-19.

Cristina Gauri

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta