Roma, 13 feb – Un attacco terroristico ha provocato la morte di 20 Pasdaran nel sud-est dell’Iran. A riferirlo è l’agenzia stampa di Teheran Irna, secondo cui vi sarebbero anche 20 feriti. L’attentatore suicida si sarebbe fatto saltare in aria all’interno di un bus che trasportava le Guardie della rivoluzione a Khash, nella provincia del Sistan-Belucistan. Al momento non risultano rivendicazioni per un attacco avvenuto proprio adesso che l’Iran festeggia i 40 anni della rivoluzione islamica, che portò alla fine del regime dello scià.

Secondo l’agenzia Fars l’attentato sarebbe stato condotto in una strada fra le città di Zahedan e Khash, vicino al confine con il Pakistan. Nella zona operano gruppi di terroristi, come il Balochi Liberation Army (BLA), un gruppo separatista militante presente nel Belucistan, dove appunto è avvenuto l’attentato.

L’area è inoltre soggetta a continui traffici di droga condotti da bande criminali, anche legate a gruppi jihadisti, poiché via di transito per l’eroina prodotta in Afghanistan. Quello odierno è l’attacco più grave contro i Pasdaran da settembre, quando un gruppo di jihadisti arabi causò la morte di 28 persone (tra militari e civili) durante la parata per la Settimana sacra della Difesa nella città di Ahvaz.

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here