isis mar elianDamasco, 21 ago – Non c’è pace per la Siria. Dopo la conquista delle rovine di Palmira e la brutale esecuzione del custode del sito archeologico, fedele al legittimo governo di Assad e che si era rifiutato di indicare ai miliziani dello Stato Islamico dove erano stati nascosti i tesori, l’avanzata dell’Isis colpisce ancora una volta uno dei reperti della storia millenaria del paese.

A far le spese della barbarie dei fondamentalisti è, questa volta, il monastero di Mar Elian, nei pressi di Al Qaryatayn, città che si trova a metà strada fra Damasco e Palmira. Il complesso risale al quinto secolo dopo cristo e dagli account vicini all’Isis sono state postati video e immagini di ruspe intente a demolire le strutture. Nella stessa zona, passata sotto il controllo dell’Isis ad inizio mese, almeno 230 cristiani della zona sarebbero stati rapiti e trasferiti in altre zone della Siria sotto il saldo controllo delle milizie di ispirazione sunnita.

Oltre alla devastazione di un luogo storico, l’azione operata dall’Isis ha un valore anche simbolico: la zona di Al Qaryatayn è una delle più ricche di giacimenti di gas e, nonostante la massiccia controffensiva siriana, la situazione nella zona è ancora di stallo.

Roberto Derta

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. la vera civiltà islamica insegna a distruggere tutto ciò che non è islamico ed a eliminare cristiani.
    In compenso, i buonisti di casa nostra aiutano questi delinquenti a costruire moschee e ad accogliere clandestini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here