Il Primato Nazionale mensile in edicola

Manifestazione Lega Nord contro l'immigrazione clandestinaRoma, 8 apr – “Al posto di Alfano e Renzi cosa farei? Con un preavviso di sei mesi raderei i campi rom al suolo con la ruspa”. Idee chiare e parole forti quelle del leader della Lega Matteo Salvini che, puntuale come un orologio svizzero, hanno visto la reazione stizzita di Laura Boldrini: “Parole inquietanti”, ha detto la Presidente della Camera. Le ha fatto eco il deputato Pd, Edoardo Patriarca: “Salvini la pianti col suo qualunquismo da quattro soldi. Diamo una seria alternativa ai Rom, e tanti comuni lo stanno facendo, e vedrà che non ci sarà bisogno di buttare giù alcunché”. Quale sarebbe questa “seria alternativa”, che in primis evidentemente dovrebbe fornire il governo Pd in carica, non è dato sapere.

Ma Salvini ha voluto precisare la sua posizione: “I rom – ha spiegato il leader leghista a “L’Aria che tira” su La7 – devono avere gli stessi diritti e doveri degli altri cittadini italiani. I campi rom non esistono in quasi nessuna parte d’Europa.” E ha poi aggiunto: “Se uno fa una scelta di vita viaggiante, si spostano ci sono campi che sono lì da venti, treni anni. In alcuni campi ho visto villette a due piani, solo perché sono semimoventi non pagano l’Imu. Volete stare in Italia? E allora cari rom avete gli stessi diritti e doveri degli italiani. A mio parere i campi rom sono un modello di segregazione, sfruttamento e isolamento”.

Eugenio Palazzini

Commenta