Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 18 feb – Lampedusa, per alcuni, ha rappresentato un vero e proprio trampolino di lancio. Pensiamo all’ex sindaco Giusi Nicolini, portata da Renzi nel suo viaggio a Washington a trovare Obama e addirittura proposta per il premio Nobel. Finì malissimo: nonostante il can can mediatico, la Nicolini fu duramente punita dai lampedusani, tanto che non venne eletta neanche in Consiglio comunale. Poi ci ha provato Pietro Bartolo, noto come «il medico di Lampedusa», e (per ora) gli è andata decisamente meglio: sebbene alle Europee, nell’isola siciliana simbolo dell’accoglienza, abbia sbancato a sorpresa la Lega di Salvini, Bartolo è riuscito a farsi eleggere a Bruxelles candidandosi tra le file del Partito democratico.

Contro i decreti sicurezza

Scomparso per un po’ dai radar, il medico di Lampedusa è ora tornato alla carica. Il motivo? Il governo giallofucsia sta discutendo su come smantellare meglio i decreti sicurezza voluti da Salvini, e Bartolo non poteva far mancare la sua voce. «Le politiche di Salvini [in tema di immigrazione] sono state un abuso», ha tuonato l’eurodeputato Pd in un’intervista a Repubblica. E poco importa che tali misure siano state varate da un ministro dell’Interno nel pieno delle sue funzioni, sostenute da un largo consenso popolare e, infine, controfirmate dal presidente della Repubblica.

Il medico di Lampedusa vuole lo Ius Soli

Ad ogni modo, si era capito subito che Bortolo è sul piede di guerra. E per questo non conosce mezze misure: «La ministra Lamorgese sta cercando di mettere mano a questi decreti. Per ora c’è solo una bozza, quindi è un primo passo, che però deve andare verso una soluzione definitiva». E quale sarebbe questa soluzione definitiva? Ma è ovvio: «Lo ius soli. Chi nasce e studia in Italia è cittadino italiano. Non dargli la cittadinanza è un danno a loro e anche a noi stessi». Del resto, lo disse Zingaretti in tempi non sospetti. Insomma, il medico di Lampedusa ne è sicuro: i decreti sicurezza «devono essere cancellati. Non lo dico io, ma anche Zingaretti, le Sardine e tutti coloro che mi hanno votato perché sanno che porto avanti valori indiscutibili e universali». E che gli volete dire a uno che tiene in tasca «valori indiscutibili e universali»? Vorreste addirittura contraddirlo? Suvvia, siamo seri. È per questo che hanno inventato la democrazia: per farvi dire dal «fenomeno» di turno quello che dovete pensare.

Elena Sempione

6 Commenti

  1. veramente alla base del concetto di democrazia vi è proprio la DISCUSSIONE mediante contraddittorio,che questi personaggi si guardano molto bene dall’affrontare;

    giusto per ricordare Parlamento deriva dal francese “parlement” che indica proprio il parlare.

    senza offesa,ma i pro-immigrazione,indipendentemente dal titolo di studio conseguito,non mi sembrano quasi mai dei premi Nobel,come nel caso di specie.

  2. «Le politiche di Salvini [in tema di immigrazione] sono state un abuso»… forse, ma – per quanto ne sappia io – ogni legge deve essere votata (approvata) dal Parlamento, a sua volta votato (approvato) dal popolo sovrano, dopo accorta ed esaustiva discussione… cosi’ – se ben ricordo le lezioni di Educazione Civica al Liceo – la costituzione (piu’ bella del mondo) che il dr. Bartolo – ove interrogato in merito – direbbe di approvare in toto e di voler seguire alla lettera… c’e’ qualcosa che non mi convince… lui porta avanti valori indiscutibili e universali, si’ ma a patto che si conformino a quello che lui stesso dice… con buona pace della democrazia e della maggioranza… o no?

    Aggiungo che lo ‘ius soli’, IMHO, e’ solo un meraviglioso serbatoio di voti (di ossigeno?) per una sinistra allo stremo… cittadinanza per tutti (tanto paga Pantalone)!… e i ‘boveri migrandi’ ringraziano, votando ovviamente chi ha fatto loro tale meravigliosa elargizione (e prolungando l’esistenza in vita di chi gliel’ha concessa)…

    «Ahi serva Italia, di dolore ostello,
    nave sanza nocchiere in gran tempesta,
    non donna di provincie, ma bordello!»
    (Purgatorio, canto VI, vv. 76-78)

    Ringrazio per l’attenzione

  3. …..la politica come alternativa alla disoccupazione e per dare un senso ad una esistenza scialba…un altro “tontinelli”..

Commenta