Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 feb – C’è un limite a tutto: l’accoglienza, in tempi di coronavirus va quanto meno modulata in rispetto dei più banali protocolli sanitari e di sicurezza. Ecco perché il presidente della Regione siciliana chiede a Conte di intervenire per evitare l’ennesimo sbarco di immigrati irregolari, incassando l’appoggio del leader della Lega. “Ha ragione il governatore della Sicilia Musumeci, non è possibile che in un momento come questo il governo permetta lo sbarco di altre centinaia di immigrati, che l’Europa si svegli e se ne faccia carico“. Così Matteo Salvini, facendo sua la richiesta del governatore siciliano che ha chiesto di non far sbarcare la nave Ong Sea Watch sull’isola.

Musumeci: “Appello a Conte: quarantena a bordo indispensabile”

“Faccio appello al presidente Conte: dal governo regionale siciliano è arrivato finora un responsabile atteggiamento rispetto alla gestione unitaria di questa emergenza. Ma serve reciprocità. Avevo chiesto ieri e ribadisco oggi: in un contesto di allarme come quello attuale, suona come una sfida al popolo siciliano pensare di fare sbarcare altri 194 migranti in Sicilia”, dice Musumeci rivolgendosi al premier. “Una quarantena a bordo è indispensabile – sottolinea il governatore siciliano – o, se le autorità ritengono che la nave non lo consenta, si interloquisca con le autorità competenti e si diriga in altri porti”.

La nave Ong tedesca fa rotta verso Messina con 194 clandestini a bordo

Dopo l’assegnazione del porto sicuro, la nave della Ong tedesca sta facendo rotta verso Messina con a bordo 194 immigrati irregolari recuperati in tre diverse operazioni. Salvo contrordini, la Sea Watch domattina sarà nella città dello Stretto. E intanto fa presente che “altre due imbarcazioni sono in difficoltà al largo delle coste libiche. Chiediamo a tutte le autorità competenti di intervenire immediatamente. Non abbandonatele in mare”. Anche perché, tanto per cambiare, il governo di Malta si rifiuta di intervenire.

Chissà che il governo giallofucsia non provi a evitare alla Sicilia, già alle prese con il coronavirus a Palermo, di dover sommare emergenze a emergenze, prendendosi in carico anche i clandestini della Sea Watch.

Adolfo Spezzaferro

1 commento

Commenta