Roma, 14 gen – Gennaro Sangiuliano cita Dante come fondatore della destra conservatrice italiana, come riportato anche dall‘Ansa.

Sangiuliano: “Dante è il fondatore del pensiero di destra italiano”

“So di dire una cosa molto forte, ma penso che il fondatore del pensiero di destra e conservatore italiano sia Dante Alighieri“, così parla il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, durante la kermesse milanese di FdI prima delle elezioni regionali.Aggiungendo poi di non voler lavorare a una “egemonia di destra” che sostituisca quella di sinistra ma generare una cultura “della nostra nazione”. Questo perché “dobbiamo liberare la cultura che è tale solo se è libera, se è dialettica”. Il ministro poi ha aggiunto che “la destra ha cultura, deve solo affermarla” e che “quella visione dell’umano della persona la troviamo in Dante ma anche la sua costruzione politica credo siano profondamente di destra”

A sinistra qualche stomaco è già inacidito

Ancora poco, ma qualche fragorosità negli stomaci progressisti si è già avvertita. A partire, ovviamente, dalla stampa. Repubblica definisce le parole del ministro “un caso”, mentre Open le etichetta in una “teoria” del tutto individuale di Sangiuliano, sottintentendo il pensiero “curioso”. La verità è che Dante Alighieri è un nome troppo importante ed iconico per potervi rinunciare. E lasciarlo, ammetterne o riconoscerne una origine “alla destra” proprio non si potrebbe. Di conseguenza, qualche fegato rosé, in questo momento, starà soffrendo. Tocca solo vedere come manifesterà tutta la sua infiammazione.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Credo non si possano valutare autori così lontani(qui parliamo di 700 anni fa) con i parametri contemporanei (anzi a dirla tutta già sanno di stantio pure le novecentesche divisioni destra-sinistra…). Fare ciò equivarrebbe a porsi sullo stesso piano dei progressisti che ,ad esempio, citando autori classici come Omero e Virgilio, straparlano di migranti e Ong (anche se qui c’è in ballo un’astuta strategia di colonizzazione dell’immaginario…).

Commenta