Roma, 21 dic – Fa notare il cane senza guinzaglio e la gang multietnica, per tutta risposta, aggredisce e picchia. Avviene ad Arezzo, come riporta Tgcom24, una scena incredibile quanto imbarazzante e inquietante.

Chiede di mettere il guinzaglio al cane e la gang multietnica lo aggredisce

Il cane era senza guinzaglio, i padroni facevano parte di una gang multietnica. Il fattaccio è avvenuto il 1 dicembre scorso, alle ore 19. Gli investigatori hanno ricostruito l’incredibile scena. Un 60enne stava passeggiando con il suo cane quando si è accorto che un altro cane, di dimensioni piuttosto grosse, camminava senza guinzaglio e senza museruola. A quel punto, l’uomo ha invitato il proprietario a mettere l’animale al guinzaglio. Quest’ultimo, insieme ad altre cinque persone, ha inveito contro il signore, spintonandolo picchiandolo e colpendolo con calci e pugni: una vera e propria aggressione.

Trauma cranico e denunce

L’assalto al 60enne è avvenuto in pieno centro, nella piazza Sant’Agostino. L’uomo è stato soccorso e difeso sia dalla polizia che da alcuni ristoratori della zona. Portato in ospedale, ha riportato un trauma cranico, diverse ferite e una frattura alle costole. I sei aggressori, di età compresa tra i 17 e i 22 anni, sono stati denunciati per lesioni personali aggravate.

Il pericolo degli animali aggressivi senza museruola

Non solo è regola civile tenere sotto controllo animali potenzialmente aggressivi, ma è anche necessario. Specialmente se si pensa a quanto accaduto, in altri lidi, a Galbiate, vicino Lecco, dove due bambini e due donne sono stati attaccati da tre cani di razza Rottweiler, entrati in un oratorio intorno alle 17.30. Le quattro persone aggredite sono state soccorse dal pronto intervento del 118 e, per fortuna, nessuna di loro in codice rosso. I carabinieri stanno ora investigando, nella ricerca dei proprietari dei cani e soprattutto sulle responsabilità a loro carico per averli lasciati liberi.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta