Home » Default Usa, il Congresso lo evita ancora con una legge: è la seconda volta in 10 anni

Default Usa, il Congresso lo evita ancora con una legge: è la seconda volta in 10 anni

by Alberto Celletti
1 commento
default usa legge

Roma, 1 giu – Il default degli Usa sembra quasi un giochino semplice, specialmente quando il sistema si aumenta “da solo” le possibilità di spesa in un contesto che dall’esterno viene descritto quasi come di bancarotta. Non certo la prima volta che accade, ma in ogni caso un affare spinoso a cui, comunque, il Congresso ha risposto con un voto netto nella giornata di ieri.

Default Usa, la Camera vota per aumentare il tetto al debito

Sostanzialmente è avvenuto che la Camera del Congresso statunitense ha appena votato per aumentare per due anni il tetto al debito pubblico, ma in chiedendo in cambio alcuni tagli, riguardanti soprattutto il congelamento della spesa federale per lo stesso lasso di tempo. Chiaramente, l’accordo tra governo e Repubblicani dovrà passare anche al Senato, che si dovrà esprimere sulla questione il 5 giugno, come ha indicato il segretario del Tesoro Janet Yellen.

Il voto

Maggioranza schiacciante quella dei “sì” all’accordo, votato da 314 deputati contro i 117 pareri favorevoli. Interessante notare come il parere favorevole sia stato dato in modo trasversale sia dai dem che dai repubblicani (165 i primi, 149 i secondi). Kevin McCarthy, repubblicano speaker della Camera, ha commentato defindendolo “il più grande risparmio nella storia americana”, anche se i media locali ribattono ricordando che Barack Obama concesse tagli per 2.100 miliardi di dollari per elevare il tetto del debito, contro i 1.300 miliardi di quanto stabilito da Joe Biden. Il quale, su twitter, gongola: “Stanotte la Camera ha compiuto un passo avanti cruciale per prevenire il primo default in assoluto e proteggere la storica ripresa duramente guadagnata del nostro Paese. Sono stato chiaro nel dire che l’unica strada da percorrere è un compromesso bipartisan che possa guadagnare il sostegno di entrambe le parti. Questo accordo soddisfa tale test”.

Alberto Celletti

You may also like

1 commento

fabio crociato 1 Giugno 2023 - 9:50

Ci facciano capire, spendono meno per indebitarsi di più ?!?! Ovvero buchi neri, nerissimi per tutti, salvo i soliti noti. Storica ripresa sulla pelle altrui ! Default Popolare.

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: