Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 mag – Oltre al bilancio “artistico”, è ora tempo di tracciare il bilancio “criminale” del concerto del primo maggio, che anche quest’anno è stato molto movimentato in quanto a spaccio di stupefacenti e borseggi vari. Per l’occasione è stato schierato un centinaio di carabinieri, divisi tra piazza San Giovanni, luogo del “concertone”, zone limitrofe e aree di transito come gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino oppure gli scali ferroviari di Termini e Tiburtina. Si è così arrivati all’arresto di ben 22 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: 17 sono stranieri e 5 italiani. I 17 immigrati provengono da Nigeria, Gambia, Liberia, Marocco, Egitto e Kenia, e sono tutti presenti a Roma senza fissa dimora. Oltre agli arresti, sono state sequestrati centinaia di dosi (in particolare di hashish, marijuana ed eroina) e il denaro ricavato dalla loro vendita illegale.
Nel bilancio del primo maggio, numerosi sono stati anche i furti perpetrati dai borseggiatori. Tra i fermati figura anche un algerino di 35 anni, sorpreso con il portafogli di una ragazza di Firenze, che ha peraltro cercato di opporsi ai controlli delle forze dell’ordine: ora è accusato sia di ricettazione che di resistenza a pubblico ufficiale. Situazione simile per due peruviani di 20 e 26 anni e un cubano di 26 anni (anch’essi nella Capitale senza fissa dimora) che sono stati arrestati alla stazione “Barberini” della metropolitana per aver sottratto il cellulare a una triestina di 23 anni.
I carabinieri hanno poi fermato due georgiani di 27 e 40 anni, che avevano rapinato due negozi di abbigliamento in zona Esquilino, e una nomade bosniaca di 16 anni, arrestata per aver violato la misura cautelare del collocamento in comunità. Tutti gli arrestati sono in attesa di essere processati con rito direttissimo.
Federico Pagi

Sangue di Enea Ritter

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Quanta ricchezza culturale e scientifica ci ha portato questa fecciaglia multietnica, tutti quanti lavoratori indefessi che pagano un regolare affitto…….in verità sono gli italiani ad essere disperati e senza speranza……..un bel concerto del c***o…….. auguri ai sinistri che ci hanno regalato tanto sterco.

Commenta