Il Primato Nazionale mensile in edicola

Genova, 21 mar – Le violenze sessuali di presunti profughi ai danni delle giovani italiane stanno diventando sempre più un problema endemico. L’ultima notizia ci arriva da Genova, dove un richiedente asilo nigeriano si è reso protagonista di molestie e violenza sessuale. Il fatto è avvenuto sulla funicolare del capoluogo ligure che dalla Zecca porta a Righi. Una ragazza di soli 17 anni stava rincasando accompagnata dal suo fidanzato, quando un nigeriano di 33 anni, peraltro visibilmente ubriaco, ha iniziato a molestarla.
Stando alla ricostruzione delle forze dell’ordine, il nigeriano ha seguito la coppia di giovani a bordo della funicolare e, dopo qualche minuto, ha iniziato a fare apprezzamenti volgari nei confronti della 17enne, per poi passare alla violenza sessuale vera e propria, con palpeggiamenti nelle parti intime. A quel punto il fidanzato della ragazza ha provato a bloccare il presunto profugo. A dargli manforte sono intervenuti due passeggeri, che nel frattempo, grazie all’interfono, avevano avvisato il conducente della funicolare, il quale è anch’egli intervenuto per impedire all’aggressore di causare maggiori danni.
Il nigeriano ha quindi reagito al blocco del ragazzo, insultandolo e minacciandolo di morte. Poco dopo sono giunte sul posto le forze dell’ordine che hanno arrestato il delinquente. Il richiedente asilo è ora accusato di violenza sessuale, minacce gravi e interruzione di pubblico servizio.
Federico Pagi

1 commento

Commenta