Il Primato Nazionale mensile in edicola

Si chiama “Risorgimento sovranista” la nuova campagna abbonamenti della rivista mensile del Primato Nazionale, che invita i propri lettori a ricordarsi chi sono. “Se sei un lettore, sei un eroe”, sembra dire l’Italia vittoriosa sulla copertina del numero di dicembre del Primato e che rappresenta l’immagine della campagna abbonamenti.

“Ogni volta che si parla di Italia – viene detto nel video di presentazione della campagna, pubblicato oggi – pensiamo alla battaglia del Piave ai caduti del Carso. Pensiamo al balilla di Genova e alle giornate di Milano. Pensiamo all’impresa garibaldina e a un Popolo che si alza in piedi e si fa stato si fa Nazione”. Un’Italia risorgimentale e sovrana contro il Paese della classe politica incapace, delle menzogne del governo, dell’informazione in mano ai centri di potere e schiava dei social, delle multinazionali che decidono le nostre libertà.

La conferenza in diretta Facebook 

Una campagna, quella per il 2021, che inizierà ufficialmente il prossimo 1 dicembre con una conferenza in diretta sulla pagina Facebook del Primato Nazionale. L’appuntamento è martedì 1 dicembre, alle ore 21. Intanto, da oggi, sono già disponibili le informazioni per abbonarsi ed il video promozionale.

Nell’epoca del covid-19, la tradizionale conferenza di lancio della campagna abbonamenti si è quindi spostata on line. All’evento parteciperanno Adriano Scianca (direttore del Primato Nazionale), Francesco Borgonovo (vicedirettore de La Verità), Guido Taietti (esperto di comunicazione politica), con la moderazione di Valerio Benedetti (caporedattore del Primato Nazionale).

La rivista mensile del Primato 

Arrivata al suo quarto anno di vita, la rivista mensile del Primato Nazionale si è affermata progressivamente nel panorama editoriale italiano. Unica pubblicazione a carattere ‘sovranista’, si occupa principalmente di attualità, cultura, approfondimento, storia e geopolitica, realizzando inchieste ed interviste esclusive.

Fra i suoi collaboratori volti noti come Vittorio Sgarbi, Francesco Borgonovo, Alessandro Meluzzi e Paolo Bargiggia; pensatori come Simone Di Stefano; giornalisti e saggisti come Antonio Rapisarda e Fabrizio Vincenti; reporter come Francesca Totolo e prossimamente Franco Nerozzi.

La novità: 4 abbonamenti e regali esclusivi

Per esprimere al meglio il proprio grado di coinvolgimento nel Primato, sarà possibile scegliere fra quattro tipi di abbonamento: Sostenitore, Sovranista, Risorgimento e Vittoria.

  • abbonamento Sostenitore (55 €): è il classico abbonamento annuale ai 12 numeri della rivista mensile del Primato ad un prezzo speciale. 3 numeri infatti sono in regalo.
  • abbonamento Sovranista (110 €): è un ‘doppio’ abbonamento, che dà diritto alla nuova tessera Socio del Primato Nazionale. La tessera consentirà di avere sconti esclusivi in attività convenzionate.
  • abbonamento Risorgimento (250 €): per chi intende sostenere l’informazione sovranista con la forza di 5 abbonamenti. In regalo, oltre alla tessera Socio, anche la spilla del Primato, il libro “Cartastràccia” con pillole letterarie per resistere alla modernità e la partecipazione ad eventi esclusivi.
  • abbonamento Vittoria (500 €): la forza di 10 abbonamenti, per costruire insieme un altro baluardo delle nostre mura. Un sostegno importante, sottolineato simbolicamente con la tessera Socio, la spilla del Primato, il libro “Cartastràccia”, la partecipazione ad eventi esclusivi e un libro di Altaforte Edizioni al mese, a casa.

Cosa vuol dire abbonarsi al Primato?

Abbonarsi al Primato Nazionale vuol dire credere nella possibilità di creare dal nulla un’informazione davvero libera spezzandole catene del ricatto politicamente corretto. Viviamo in un mondo in cui tutto è omologato. Anche le notizie, che diventano l’eco di un unico coro “politicamente corretto”, che abbraccia le multinazionali, i media mainstream, la politica, i gruppi di potere.

Un mondo che riduce tutto a prodotto: l’uomo, la donna, i diritti, l’informazione. Un mondo in cui il ‘grande giornalista’ è quello che prende più “like” sui social, dove la “verità” è preconfezionata secondo piani di marketing. Ingannando il lettore, manipolandolo, ricattandolo. Per noi questa non è informazione: è solo la voce del padrone.

Per questo abbiamo iniziato con Il Primato Nazionale, tre anni fa, una battaglia nel campo del giornalismo e della cultura, cercando di lavorare su di un’informazione non allineata. Un’informazione fatta di notizie, di approfondimenti, di visioni del mondo non conformi.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta