Guillermo del Toro prova a entrare nei panni del maestro dell’horror Alfred Hitchcock, e lo fa come sponsor e presentatore della nuova serie prodotta da Netflix, Cabinet of Curiosities, una sorta di Tales from the Crypt in salsa moderna. Le sue introduzioni ci riportano alla memoria Lars Von Trier che faceva un macabro e ironico capolino ad ogni inizio puntata della serie di culto The Kingdom, con il suo good and evil.

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di dicembre 2022

Ogni puntata consiste in un mini horror sapientemente realizzato dalle mani di vari e diversi registi, e ve ne consigliamo la visione se siete appassionati del genere (e nonostante sia un prodotto Netflix). Un corto in particolare ha catturato la nostra attenzione per il tema proposto, ovvero quello della dittatura delle apparenze, in una società (la nostra) che, sebbene spesso e volentieri ripudi il bello nel senso greco del termine, obbliga tutti e tutte a una rincorsa verso standard estetici discutibili e meramente esteriori. Nel tentativo di neutralizzare ogni differenza – in un mondo che solo falsamente le encomia – e nell’imperativo all’inclusione, chi non aderisce al canone dell’apparenza, si ritrova ghettizzato, o brutalmente eliminato.

Non è un horror come un altro

Si intitola proprio L’apparenza uno dei mini film inclusi nel Cabinet of Curiosities, a firma dell’inquietante regista Ana Lily Amirpour e basato su una storia della fumettista Emily Carroll. Due donne dietro le quinte, quindi, e un’altra donna, la protagonista, interpretata da una Kate Micucci che ci ricorda moltissimo la Wendy di Shining. Intrappolata in un corpo sgradito, Kate si ritrova costantemente messa da parte dalle sue avvenenti colleghe che parlano esclusivamente di gossip, sesso e creme di bellezza. Ma, diversamente da quanto potremmo pensare, non è una donna sola: anzi, è sposata con un uomo che la adora e la stima esattamente per quello che è. Tuttavia, l’amore del poveruomo e le sue passioni nella vita non basteranno a Kate, che metterà tutto da parte per raggiungere la tanto agognata perfezione. Ma cos’è la…

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta