Roma, 22 mag – Il sito più visitato in assoluto da chi vuole ascoltare un brano musicale è stracolmo di insulti, canzoni che osannano l’uso di droghe, personaggi improbabili che sparano fesserie di ogni sorta senza attenersi a chissà quale galateo linguistico. Parliamo di YouTube ovviamente, dove si può dire, fare, baciare più o meno tutto tranne che mandare a quel paese l’Unione Europea. O almeno non lo si può fare quando un brano di un gruppo punk rock italiano inizia ad avere migliaia di visualizzazioni. Non sia mai, giusto per pensare male, che qualcuno potrebbe ascoltarne attentamente il testo e trarre sconvenienti conclusioni.
Ecco allora che il tubo più famoso del globo ha deciso di censurare “Fuck Ue”, brano dei Bronson estratto dal secondo album della band capitolina: Roma Tiger Punk, uscito nel 2015 per i tipi della Rupe Tarpea. “La visualizzazione del seguente video ‘Bronson F.ck Ue’ è stata bloccata nei siti di YouTube dei seguenti paesi..”, a seguire carrellata con praticamente tutti gli Stati europei. “Vivi tranquillo tu tra burocratiche follie, servo da sempre del tuo capitale, oppresso dal sistema tormentato di bugie, credi che indietro non si può tornare”, così cantano i Bronson e così evidentemente sembra sul serio essere. Follie, se vogliamo limitarci a pensare male ma non troppo. Visto che secondo YouTube il brano in questione ricade “nell’incitamento all’odio e alla violenza”.
Ma ascoltando bene la canzone in realtà i Bronson lanciano un messaggio ben diverso, sicuramente anti Unione Europea, ma con un chiaro invito a non arrendersi di fronte alle ingiustizie. E chiedo ai giovani di urlare un inno alla sovranità: “I popoli d’Europa riprendono coscienza Questo è il nostro canto di indipendenza!”. Troppo scomodo evidentemente, inaccettabile per chi fa del politically correct un dogma. Insomma, sul tuo tubo puoi inserire qualunque cosa fingendoti un ribelle da tastiera. Basta che sul serio non lanci messaggi rivoluzionari.
Eugenio Palazzini

5 Commenti

  1. Hanno a suo tempo censurato anche la canzone di un gruppo Italiano intitolata: “marocchino/naziskin”: questa non si era mai vista: un marocchino… Nazista!… Gira per la città, ho jeah!… E rompe il culo ai vu’ cumpra’!…

  2. Questi burocrati europei comunisti con le fake news vogliono mettere il bavaglio a chi non la pensa come loro…….aggiungo che fra di essi vi sono numerosi sodomiti che lavorano per disintegrare la famiglia tradizionale, sputando su padri e madri…….. Meglio la diarrea della ue e dei suoi indegni funzionari.

Commenta